Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cartolarizzazione dei crediti in Italia: il caso della BCC di Castellana Grotte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Aspetti generali della cartolarizzazione 6 CAPITOLO I ASPETTI GENERALI DELLA CARTOLARIZZAZIONE Sommario: 1. Introduzione – 1.1. Variabili nell’operazione di securitization – 1.2. Analisi struttu- rale dell’operazione di cartolarizzazione – 2. Profili giuridici della cessione di crediti in Italia – 2.1. La cessione secondo il Codice Civile – 2.2. La cessione secondo la L. 52/1991 – 2.3. La cessione secondo l’art. 58 D.lgs. 385/1993 – 2.4. La cessione secondo la L. 130/1999. 1. Introduzione. Con il termine securitization 1 s’intende lo smobilizzo di poste dell’attivo al fine di ottenere liquidità. In particolare, attraverso tale operazio- ne, attività finanziarie di qualsiasi tipo possono essere trasformate (incorpo- randole) in valori mobiliari negoziabili e liquidabili sul mercato secondario 2 ; in linee generali, la cartolarizzazione 3 può essere descritta come un processo di trasformazione in titoli negoziabili, l’assets backed securities, di un pool di attività illiquide in grado di generare flussi di cassa determinati o statistica- mente stimabili: frequentemente una massa di crediti, ma più in generale qua- lunque complesso di attività in grado di generare un cash flow relativamente regolare nel corso di un certo arco temporale 4 . La cartolarizzazione dei crediti ha trovato formale ingresso nell’ordinamento italiano con la Legge 30 aprile 1999, n. 130, «Disposizioni sulla cartolarizzazione dei crediti», approvata dal Senato della Repubblica il 22 marzo 1999; ciò non toglie, tuttavia, che in principio gli operatori econo- mici italiani abbiano guardato all’operazione anche prima dell’entrata in vigo- re di un’apposita norma. 1 Securitization, è un termine di origine anglosassone, derivante dal verbo to securitizate. Tale termine cono- sce due varianti consonantiche, peraltro usate indifferentemente dalla dottrina: securitization nel linguaggio statunitense, securitisation in quello britannico. 2 RUOZI R. (a cura di), Economia e gestione della banca, Egea, Milano, 2000, pag. 247. 3 «Cartolarizzazione» è la traduzione italiana del termine securitization. In Francia si parla generalmente di titrisation, in Spagna di titrisaciòn, in Germania di Pfandbriefe; in quest’ultimo caso, tuttavia, gli assets sono cartelle ipotecarie. 4 PICCA PICCON A., Asset securitisation e gestione del capitale investito, Amministrazione & Finanza, 2000, n. 7, pag. 47.

Anteprima della Tesi di Umberto Lucatorto

Anteprima della tesi: La cartolarizzazione dei crediti in Italia: il caso della BCC di Castellana Grotte, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Umberto Lucatorto Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4080 click dal 31/05/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.