Skip to content

Ritratto d'attrice: Isa Danieli, dall'esordio teatrale all'incontro con la drammaturgia contemporanea

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Nel 1951 Eduardo De Filippo compra il suolo dove sorgeva il teatro San Ferdinando 12 e inizia i lavori di ristrutturazione. Per finanziare le ingenti spese nella stagione 1951- 1952 non forma la compagnia sceglie di fare cinema 13 , che fu, per lui, un’attività assidua, ma mai la principale, quasi un «sottoprodotto […] delle fatiche teatrali» 14 .. Nel 1954 inaugura il suo San Ferdinando con Palummella zompa e vola di Antonio Petito. Il San Ferdinando era luogo molto caro a tutti i teatranti: infatti prima della guerra, prima che fosse bombardato e quasi distrutto, era il regno della sceneggiata. Da lì erano passati tantissimi grandi attori e il fascino di quel “teatrino” era molto forte. 12 Uno degli ultimi teatri edificato nella città di Napoli alla fine del 1700, fu il teatro San Ferdinando. Sorse nella zona di Pontenuovo che allora era composta da pochissimi palazzi nobili e molti giardini. La costruzione del teatro San Ferdinando fu affidata all’architetto Camillo Lionti, mentre per le decorazioni i l'incarico fu affidato all'architetto Domenico Chelli, lo stesso che in quegli anni prestava la sua opera nel Real teatro di San Carlo. Il teatro San Ferdinando aveva una platea di forma ellittica, con file di cinque palchetti ognuna, arredato con tredici poltrone e, come tutti i teatri dell'epoca, il palco reale oltre ad un secondo palco riservato alla famiglia reale. La sua inaugurazione, che va sicuramente datata tra gli anni 1790 e 1791, avvenne con un'opera di Domenico Cimarosa. Dalla sua nascita, fino ai primi del 1799, vi si rappresentarono diverse opere in musica e balletti. Una piccola parentesi di gloria il teatro San Ferdinando la ebbe nel 1810 quando, per merito dell'impresario Domenico Panza, ospitò la prima italiana di Otello di William Shakespeare. Per tutto il XIX secolo e per parte di quello successivo vi si avvicendano diversi impresari e varie compagnie amatoriali. Nel 1943 le bombe americane caddero impietose su Napoli, portando ovunque morte e distruzione e devastando anche il teatro San Ferdinando. 13 Come attore ha interpretato: Tre uomini in frac (1932), Il cappello a tre punte (1934), Quei due (1935), L’amore mio non muore (1938), Il marchese rivolito (1938), Sono stato io (1938), Il sogno di tutti (1941), A che servono i quattrini (1942), Casanova farebbe così (1942), Non ti pago (1942), Il fidanzato di mia moglie (1943), Non mi muovo (1943), La vita ricomincia (1946), Uno tra la folla (1946), Assunta spina (1947), La macchina ammazza cattivi (1948), Campane a Martello (1949), Cameriera bella presenza offresi (1951), Le ragazze di piazza di Spagna (1951), Cinque poveri in automobile (1952), Traviata ’53 (1953), L’oro di Napoli (1954), Tempi nostri (1954), L’uomo dai calzoni corti (1958), Ferdinando re di Napoli (1959), Fantasmi a Roma (1961), Ieri oggi domani (1963), Matrimonio all’italiana (1964), Spara più forte…non capisco (1966), Cortile (1984), Cuore (1984). Ha firmato le regie di: In campagna è caduta una stella (1940), Ti conosco, mascherina! (1943), Napoli Milionaria (1949), Filumena Marturano (1951), I sette peccati capitali (1952), Ragazze da marito (1952), Napoletani a Milano (1953), Marito e moglie (1955), Fortunella (1958), Il sogno di una notte di mezza sbornia (1959), Oggi domani e dopodomani (1965), Questi Fantasmi (1967). Dei film Porca miseria (1951), Cento anni d’amore (1954), Pane amore e gelosia (1954) ha fatto la sceneggiatura. 14 Tullio Kezich, da Il cattivo Eduardo, Un artista troppo amato e troppo odiato, op. cit. pp 97 e segg.
Anteprima della tesi: Ritratto d'attrice: Isa Danieli, dall'esordio teatrale all'incontro con la drammaturgia contemporanea, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Ritratto d'attrice: Isa Danieli, dall'esordio teatrale all'incontro con la drammaturgia contemporanea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Tinghi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: progeas
  Relatore: Teresa Megale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

danieli
de filippo
isa
strehler
teatro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi