Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Successi e limiti del Patto di Stabilità e Crescita

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

dalle difficoltà economiche nell’Uem e l’impossibilità di affrontare con i mezzi necessari la negativa fase congiunturale, hanno fatto sorgere diversi dubbi sulla efficacia e sulla saggezza di tale sistema di regole. E’ da sottolineare che alcune di queste critiche, in particolar modo sul versante politico, hanno implicitamente lo scopo di negare possibili responsabilità nazionali nella deludente crescita economica dei propri paesi, e, di conseguenza, nell’eventuale mancato rispetto dei vincoli del Patto. E’ bene ricordare che ogni norma o regola fiscale ha per definizione delle arbitrarietà, ma che vengono considerate necessarie al rafforzamento della disciplina di bilancio, “…,naturalmente, il Patto di stabilità restringe il margine di manovra delle autorità fiscali nazionali. Ma questo è il prezzo che bisogna pagare per avere una moneta unica. Storicamente, la stabilità fra le monete è stata possibile solo quando i paesi sono stati in grado di cedere alcune sovranità nazionali”( Horst Siebert, Financial Times, 6 Agosto 2002). Prescindendo dalle motivazioni meno nobili che portano a criticare il PSC, alcune rigidità ed alcune incertezze nella corretta interpretazione di questo sistema di regole hanno effettivamente inciso negativamente, come è riportato in questo lavoro, sulla effettiva capacità stabilizzatrice delle eterogenee economie dei membri dell’Uem, mentre l’obiettivo della crescita sembra essere del tutto ignorato. Sono state avanzate, specialmente in letteratura, numerose proposte di modifica o correzioni interpretative delle regole già esistenti; che, prendendo soprattutto spunto dalle difficoltà riscontrate nell’applicazione del PSC, tentano di apportare quei miglioramenti ritenuti, oramai, nell’opinione prevalente, necessari. Questo lavoro tenta di far luce sulla dimensione e sulla qualità dei risultati che le regole fiscali del Patto, in parte ereditate dal Trattato, hanno raggiunto nel corso degli anni novanta, in particolare, l’attenzione è rivolta ai punti deboli che le regole fiscali hanno evidenziato negli ultimi anni e sulla opportunità di una radicale modifica o di un più accessibile miglioramento interpretativo.

Anteprima della Tesi di Giovanni Francioso

Anteprima della tesi: Successi e limiti del Patto di Stabilità e Crescita, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Francioso Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7644 click dal 17/06/2004.

 

Consultata integralmente 49 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.