Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Successi e limiti del Patto di Stabilità e Crescita

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Le difficili questioni politiche furono risolte nel Consiglio Europeo di Dublino nel 1996 e le conclusioni finali furono approvate dal Consiglio Europeo di Amsterdam nel Giugno del 1997 1 . L’accordo finale è sostanzialmente diverso rispetto alla proposta iniziale tedesca: l’accento è messo più sulla prevenzione dei deficit eccessivi che sulla punizione ex post. In particolare, si è ritenuto che l’automaticità delle sanzioni andasse oltre le disposizioni del Trattato, il quale lasciava, su questo aspetto, un certo grado di discrezionalità alla Commissione europea ed al Consiglio Ecofin 2 . Inoltre, l’ammontare delle sanzioni è stato giudicato troppo alto e quindi dannoso. Inoltre, il vincolo sul debito pubblico è stato considerato non necessario, perché un deficit di bilancio sotto al valore di riferimento del 3% del Pil dovrebbe automaticamente implicare una progressiva diminuzione del rapporto del debito pubblico al di sotto del punto di riferimento del 60% del Pil. Infine, la riduzione della quota del settore pubblico nell’economia, pur essendo desiderabile per ragioni d’efficienza, non è stata accettata come regola generale. 1 Per una prospettiva storica dei negoziati sul Patto, ved. Costello(2001) e Stark(2001). 2 Il Consiglio dell’Unione( Consiglio dei Ministri o Consiglio) è il principale organismo comunitario avente poteri decisionali e di coordinamento, che conferisce altresì competenze di esecuzione alla Commissione. Un’importante composizione del Consiglio è il cosiddetto Ecofin, composto dai Ministri dell’economia e delle Finanze di ciascuno Stato membro dell’Ue.

Anteprima della Tesi di Giovanni Francioso

Anteprima della tesi: Successi e limiti del Patto di Stabilità e Crescita, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Francioso Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7644 click dal 17/06/2004.

 

Consultata integralmente 49 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.