Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giacomo Debenedetti: una ''particella estranea'' nella storia della critica letteraria italiana del Novecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 INTRODUZIONE: IL SOTTINTESO DISEGNO UNITARIO NELLA PRODUZIONE CRITICA DEBENEDETTIANA Un discorso sulla critica arriva a coinvolgere più discipline e campi culturali, molteplici situazioni storiche e vicende biografiche. Se la stessa critica ha come oggetto la letteratura (o un’altra forma d’arte) e la sua interpretazione, uno studio di essa non può non tenere conto del contesto in cui opera un autore, dei metodi e delle impostazioni adottate, dello stile tenuto, degli argomenti e delle prove addotti, dei fini e degli obiettivi dichiarati e sottintesi da un critico o da un gruppo appartenente a una certa scuola. Inevitabilmente per questi motivi parlare di critica è soprattutto farne la storia, inserirla in un contesto in cui essa si trovi a dialogare con altri campi del sapere. La difficoltà che può comportare un tale lavoro è soprattutto nel fatto che si rischia di incorrere in una pedante ripetizione e riproduzione dei testi analizzati o in congetture spesso un po’ vaghe, a proposito delle interpretazioni dell’autore. Il critico è uno scrittore particolare che parla di altri artisti e di altri prodotti culturali; ha un certo stile e spesso adotta un metodo che può utilizzare con imprevedibili variazioni lungo tutto l’arco del suo operato. La quarantennale e feconda carriera critica debenedettiana abbracciò un periodo di intensi cambiamenti storici, culturali e politici: il crocianesimo, l’avvento del fascismo, lo sviluppo della cinematografia, la rivoluzione dell’arte contemporanea, la sconvolgente esperienza bellica, il sempre più rapido progresso scientifico e tecnologico. Debenedetti fu un critico eclettico e curioso: ogni suo scritto, anche il meno apparentemente importante o quello nato per una determinata occasione, dialoga anche con qualcheduno di quegli aspetti storico-culturali che parevano urgere dall’esterno, apparentemente avulsi dalla letteratura, ma al contrario

Anteprima della Tesi di Rosalba Ferrara

Anteprima della tesi: Giacomo Debenedetti: una ''particella estranea'' nella storia della critica letteraria italiana del Novecento, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rosalba Ferrara Contatta »

Composta da 293 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3286 click dal 01/06/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.