Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti giuridici del terrorismo internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 simili azioni sul proprio territorio. Anche tale Convenzione prevede, agli artt. 6, 8, 9 e 10, le procedure di estradizione così come enunciate agli artt. 6, 7, 8 della Convenzione sulla prevenzione e repressione dei reati commessi nei confronti delle persone che godono di protezione internazionale. L’art. 9, però, introduce il diritto di uno Stato di non concedere l’estradizione a quello che ne fa domanda per punire il presunto colpevole in base a criteri di razza, religione, nazionalità, origine etnica o alle sue opinioni politiche 24 . E’ opportuno ribadire che tale trattato sottolinea la gravità del reato a scopo terroristico distinguendo, all’art. 12, tra ostaggi in tempo di pace e in tempo di guerra. I due status si escludono a vicenda, poiché sono disciplinati da normative differenti: nell’ipotesi di ostaggi detenuti in tempo di pace, trova applicazione la Convenzione sulla presa degli ostaggi, adottata dell’Assemblea generale il 17 dicembre 1979; nella seconda ipotesi - ostaggi in tempo di guerra - vengono applicate le Convenzioni di Ginevra del 1949 e le norme pertinenti di diritto bellico 25 . Durante i dibattiti che hanno accompagnato la redazione delle due Convenzioni - contro gli atti illeciti delle persone internazionalmente protette 24 Da notare, però, che è sempre un diritto dello Stato territoriale valutare, in modo assolutamente discrezionale, le condizioni secondo le quali concedere l’estradizione del presunto colpevole allo Stato richiedente. 25 L’art.12 della Convenzione sulla presa degli ostaggi dichiara che “la Convenzione non si applicherà ad un atto di presa di ostaggio commesso durante i conflitti armati poiché tale tipo di reato è già disciplinato dalle Convenzioni di Ginevra del 1949 e dai protocolli relativi ad essa”.

Anteprima della Tesi di Catena Di Bella Gozzi

Anteprima della tesi: Aspetti giuridici del terrorismo internazionale, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Catena Di Bella Gozzi Contatta »

Composta da 253 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10809 click dal 03/06/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.