Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti giuridici del terrorismo internazionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 previsti dalla Convenzione per la prevenzione e la repressione del terrorismo, qualora gli Stati contraenti non fossero d’accordo a mettere in pratica il principio di cooperazione aut dedere aut judicare 4 . Il fine, quindi, era quello di garantire agli Stati un’alternativa al suddetto principio, riconoscendo la facoltà di deferire il reo di atti terroristici alla Corte medesima per il relativo giudizio 5 . In tal guisa, lo Stato di rifugio avrebbe potuto evitare il complesso procedimento di estradizione dell’accusato verso uno Stato. Le occasioni per affrontare a grandi linee il fenomeno del terrorismo e l’attività di cooperazione, che deve essere instaurata tra gli Stati al fine di reprimere qualsiasi forma di violenza, non sono però mancate. Infatti, nella Dichiarazione 2625 dell’Assemblea generale del 24 ottobre 1970, relativa ai principi di diritto internazionale che disciplinano le relazioni amichevoli e la cooperazione tra gli Stati, il problema degli atti terroristici è affrontato sia dal punto di vista del ricorso alla forza o alla minaccia della forza, precisando che “gli Stati devono astenersi dall’organizzare ed incoraggiare atti di guerra civile o atti di terrorismo sul territorio di un altro Stato, e vietando anche di fomentare, 4 Il principio aut dedere aut iudicare prevede che lo Stato, sul cui territorio si trova la persona accusata di essere responsabile di un attentato terroristico - previsto dalla Convenzione per la repressione del terrorismo del 1937 - è tenuto a giudicarla o ad estradarla. 5 Art.2 della Convenzione per la creazione di una Corte penale internazionale (Ginevra, 16 novembre 1937), in N. Ronzitti, op. cit., p.156.

Anteprima della Tesi di Catena Di Bella Gozzi

Anteprima della tesi: Aspetti giuridici del terrorismo internazionale, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Catena Di Bella Gozzi Contatta »

Composta da 253 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10810 click dal 03/06/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.