Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il restauro di Parco Papadopoli in San Polo di Piave (Tv)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

prodotto sul reale e quello scaturito dalla finzione scenico-teatrale. Le differenze inevitabilmente si azzerano 2 . Francesco Bagnara fu il progettista dell'attuale parco ed edificio elitario, come afferma uno scrittore locale, Luigi Dall’Oste, il quale, in un suo libro, ne registra anche la data dell’inizio dei lavori (1850). Bagnara intervenne su strutture già esistenti, sia per quanto riguarda l’apparato architettonico che quello arboreo. Originariamente, la villa presentava l’aspetto di un castello merlato tipico della realtà padana, chiuso ad angolo da quattro torri quadrangolari. Due ordini di finestre segnavano i prospetti della facciata senza particolari accenni decorativi e forzature stilistiche. Tale immagine architettonica fu cancellata e sostituta con una più alla moda e precisamente quella di un maniero inglese, di stile neogotico. Nell’area del giardino, debolmente tracciata a linee romaniche, il Bagnara s’impone realizzando un impianto sontuoso e ricco di soluzioni originali e di grande effetto: spianate lucenti, terrapieni circuiti da sentieri, arredo vegetale costituito da essenze rare ed esotiche ed un lago come specchio della villa. Le grandi masse degli alberi disposti con arte prospettica avevano raggiunto una considerevole altezza, e con rigogliosi fronteggi animavano e rendevano la scena fantastica e maestosa. Così fu descritto il parco dal Dall’Oste, assiduo visitatore ed amico della famiglia Papadopoli: “…un ampio giardino sopra un piano frastagliato da vari accidenti, che paiono opera della natura, circonda il palazzo, ed ivi ritrovi sospeso, ora un quieto laghetto, ora un chiaro ruscello, quindi una cascatella che mormora, nicchie e campane e dovunque fiori e piante di stupenda bellezza…” 3 . 2 - AA. VV. – Il parco Papadopoli (ora Giol) a San Polo di Piave – Corso di arte dei Giardini, I.U.A.V. Padova1992. 3 - DALL’OSTE, Luigi – San Polo nel trevigiano – Treviso, 1894. 10

Anteprima della Tesi di Carmelo Tatano

Anteprima della tesi: Il restauro di Parco Papadopoli in San Polo di Piave (Tv), Pagina 7

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Carmelo Tatano Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1394 click dal 07/06/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.