Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La posizione istituzionale della CONSOB e i suoi poteri di normazione secondaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Capitolo Primo LE MUTAZIONI NELLA SISTEMATICA DELLE FONTI E NEGLI ASSETTI ISTITUZIONALI 1.1 LA TRASFORMAZIONE DELLE FONTI TRADIZIONALI: COSTITUZIONE E LEGGI 1.1.1 Complessità del sistema delle fonti Il sistema delle fonti non può essere imbalsamato e, dunque, è soggetto più o meno marcatamente alle modificazioni della realtà e dei rapporti istituzionali e sociali. E’ circostanza ormai riconosciuta che il sistema delle fonti ha subìto negli ultimi anni una profonda eterogenesi, caratterizzata non solo dalla decodificazione 1 , ma anche dalla “complessificazione” 2 delle formanti giuridiche, dall’accresciuto rilievo di soggetti privati e semi-privati e dalla caratterizzazione transnazionale che ha fortemente relativizzato l’idea statolatrica di un sistema delle fonti verticistico. La sovranità dello Stato è erosa 3 , dall’alto, da parte dell’ accresciuta interdipendenza dei rapporti e dall’istituzione di soggetti regionali come l’Unione Europea e, dal basso, da parte dell’autonomia degli Enti Locali. Allo stesso modo il sistema delle fonti tradizionale vive una metamorfosi e risulta sempre più “schiacciato” da spinte che provengono dall’alto (la “legislazione” comunitaria, il diritto internazionale, la lex mercatoria globalizzata, la creazione normativa di soggetti “multinazionali” a cavallo tra il pubblico ed il privato) e dal basso 4 (la normazione delle Autorità indipendenti, l’accresciuta potestà legislativa regionale, la creazione giurisprudenziale) 5 . La stessa idea di un sistema di fonti tradizionale 1 N. IRTI, L’età della decodificazione, terza edizione, Milano 1990 2 N. LUPO, Dalla legge al regolamento, Bologna 2003, p. 401 3 S. CASSESE, La crisi dello Stato,Bari, 2002, p. 4, il quale sostiene che “la crisi dello Stato coinvolge la perdita di unità del maggiore potere pubblico al suo interno e la sua perdita di sovranità verso l’esterno”. 4 In realtà, almeno per la legislazione regionale, è possibile solo in chiave storica sostenere che essa erode “dal basso” la legislazione statale, trattandosi oggi di equiordinazione. 5 Un pluralismo che rispecchia la complessità e la laicità della società contemporanea e che rende paleolitica l’osservazione di F. CAMMEO – citato da N. LUPO, Dalla legge al regolamento, Bologna, 2003 - il quale, all’inizio del secolo scorso, fotografava “il modo di essere e di agire dello Stato costituzionale italiano”, come “regolato da due specie di norme…Le prime son dette le leggi, le seconde regolamenti”. Certamente il panorama delle formanti del diritto è oggi più affollato e più problematico di quello presente qualche decennio fa, e l’accentuato pluralismo può

Anteprima della Tesi di Filippo Durante

Anteprima della tesi: La posizione istituzionale della CONSOB e i suoi poteri di normazione secondaria, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Filippo Durante Contatta »

Composta da 349 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6104 click dal 11/06/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.