Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'origine del movimento sindacale in ferrovia e l'Italia post-unitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 sviluppare un forte spirito di corpo, mentre la caratteristica imprenditoriale e industriale del comparto ferroviario fecero si che i lavoratori della strada ferrata assimilassero una mentalità operaia e non sentissero, a differenza degli impiegati della burocrazia ministeriale, uno stretto legame con la funzione pubblica alla quale erano preposti. Tale peculiarità si rivelò di fondamentale importanza, quando incominciarono a diffondersi sindacati e ideologie politiche, che proprio per questa particolare forma mentis trovarono un forte radicamento tra i ferrovieri. Con le strade ferrate nacquero, anche, numerose parole ed espressioni, necessarie per esprimere nuovi concetti, nuove pratiche, nuove tecniche. Alcune di queste parole, come locomotiva, treno binario, stazione ecc., entrarono nel linguaggio corrente, ma la maggior parte di esse rimase all’interno del mondo ferroviario, formando un gergo più radicato e complesso di quello che caratterizzava altri comparti sia dell’industria sia della pubblica amministrazione, un gergo che solo i ferrovieri utilizzavano e capivano per descrivere le varie operazioni legate al traffico dei convogli.

Anteprima della Tesi di Antonella Ceccacci

Anteprima della tesi: L'origine del movimento sindacale in ferrovia e l'Italia post-unitaria, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Antonella Ceccacci Contatta »

Composta da 223 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1340 click dal 10/06/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.