Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La distribuzione dei tassi di crescita del manifatturiero cremonese: un'analisi su panel fisso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 1.1.1 Il trattamento dei dati anomali Prima di avviare il nostro studio sulle distribuzioni grafiche degli indici di crescita è stato necessario un ulteriore passaggio di analisi che è consistito in pratica in un esame accurato delle aziende contenute nel panel fisso con lo scopo di togliere da esso i bilanci anomali e le eventuali singole poste di bilancio, anch’esse anomale, contenute però queste ultime all’interno dei bilanci “sani”. Come primo passo sono quindi stati tolti dal panel fisso: ξ I bilanci redatti da aziende in liquidazione o in concordato preventivo; ξ I bilanci redatti da aziende “self employment” , a carattere familiare, che presentano cioè spese per il personale nulle negli anni considerati; Si è deciso di operare questo primo raffinamento poiché riteniamo corretto dare una visione del manifatturiero prendendone la parte più sana e strutturata, escludendo cioè da esso i casi particolari, come possono essere le aziende in concordato preventivo o in liquidazione, e le realtà minori, che sono appunto le aziende a carattere familiare. Queste ultime infatti, a causa della loro caratteristica intrinseca di appartenere ad una classe dimensionale molto piccola, abbiamo ritenuto non possedere quella rigorosità necessaria nella compilazione dei bilanci annuali, propria invece, si spera, delle aziende dimensionalmente più elevate. Per quanto riguarda le aziende in liquidazione o in concordato preventivo si è ritenuto di considerare a priori non attendibili i bilanci presentati a causa proprio delle situazioni aziendali critiche in cui si trovavano al momento della redazione degli stessi. Come secondo raffinamento sono poi state esaminate le singole poste di bilancio delle aziende che non facevano parte delle categorie particolari viste appena sopra. A questo proposito c’è da aggiungere, in via preliminare, che le variabili di firm–size di cui vengono studiati i relativi tassi di crescita sono 5 e precisamente:

Anteprima della Tesi di Andrea Soldi

Anteprima della tesi: La distribuzione dei tassi di crescita del manifatturiero cremonese: un'analisi su panel fisso, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Soldi Contatta »

Composta da 386 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 394 click dal 14/06/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.