Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ripartizione dei rischi fra le province italiane

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 INTRODUZIONE Il presente lavoro si propone di analizzare e di valutare il grado di redistribuzione dei rischi idiosincratici degli agenti rappresentativi delle province d’Italia nel periodo che va dal 1995 al 2001. Il tema della neutralizzazione dei rischi (o risk sharing) ha ricevuto una notevole attenzione negli ultimi anni per ciò che concerne gli studi economici e in particolare quelli econometrici, sia a livello nazionale che internazionale. Ciò è motivato da diversi fattori, primo fra tutti perché la ripartizione del rischio rappresenta un importante elemento di stabilizzazione dell’economia. Infatti, il raggiungimento di un certo grado di risk sharing in un dato sistema, fa sì che l’economia riesca a stabilizzare ed a uniformizzare i livelli dei consumi prescindendo da shock che altrimenti li andrebbero inevitabilmente a modificare. Esistono diversi canali attraverso i quali è possibile raggiungere un certo grado di neutralizzazione dei rischi. In primo luogo questi possono essere smorzati attraverso il mercato finanziario oppure quello dei depositi.

Anteprima della Tesi di Angelo Giuseppe Strazzanti

Anteprima della tesi: Ripartizione dei rischi fra le province italiane, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Angelo Giuseppe Strazzanti Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 697 click dal 15/06/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.