Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Trappola del sottosviluppo e ruolo delle organizzazioni internazionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Quello che non ha funzionato sono le politiche neoliberiste dettate dalle istituzio- ni internazionali. Le politiche del Washington Consensus, o quelle più remote di Aggiustamento Strutturale si basavano sull’ideologia o sugli interessi politici e finanziari di chi le prendeva. Le politiche del Washington Consensus si basavano su un modello semplicistico dell’economia di mercato, quello dell’equilibrio competitivo, in cui opera alla perfezione la “mano invisibile” di Adam Smith. Secondo questo modello ottocentesco, le forze del mercato, cioè l’interesse per- sonale, senza alcun intervento del governo, guiderebbero l’economia sulla strada dell’efficienza collettiva. Anche se l’economia può sembrare un argomento arido e distante dalla realtà, buone politiche economiche avrebbero avuto il potere di cambiare la vita di questa povera gente. All’interno del dibattito sulle ragioni dei fallimenti delle politiche neoliberiste, è emersa immediatamente l’idea che i principali responsabili fossero il Fondo Mo- netario Internazionale, la Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale del Commercio, centri di comando dell’ordine economico mondiale e attori principa- li della globalizzazione. L’obiettivo di questo lavoro è verificare la fondatezza di questa ipotesi; analizze- remo, dunque, come le politiche auspicate dalle istituzioni di Washington abbiano bloccato lo sviluppo di molti PVS, condannandoli a una maggior povertà. Dopo queste critiche si prenderanno in considerazione eventuali revisioni negli scenari istituzionali internazionali di più ampia e coerente portata. Inoltre si por- ranno in risalto le principali problematiche della globalizzazione e del modo sbagliato in cui è stata condotta finora. Nel primo capitolo, si cerca di spiegare che cosa sono lo sviluppo e il sottosvi- luppo, con i loro vari indicatori. Si è cercato di delineare quello che risulta oggi lo stadio di evoluzione dei PVS, con i loro problemi di sperequazione dei redditi, di povertà, di disuguaglianze e di sovrappopolazione.

Anteprima della Tesi di Fanny Ngo Ngan mintamack

Anteprima della tesi: Trappola del sottosviluppo e ruolo delle organizzazioni internazionali, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Fanny Ngo Ngan mintamack Contatta »

Composta da 236 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4395 click dal 16/06/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.