Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rischio operativo e rischio di credito nell'attività bancaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 una debitoria. Dal momento che esiste la possibilità che una delle parti, alla scadenza del contratto, non adempia alla propria prestazione, sorge un rischio che è assimilabile al rischio di credito perché la parte che esegue per prima la propria prestazione non ha nessuna certezza che la controparte sarà in grado di eseguirla 13 . Nei mercati regolamentati sussiste solitamente un sistema di compensazione multilaterale proprio per evitare che l’insolvenza di uno o più operatori pregiudichi la stabilità dell’intero sistema dei pagamenti. Dal punto di vista della regolamentazione internazionale, l’approccio seguito dal Comitato di Basilea 14 è stato quello di spingere l’attenzione delle istituzioni creditizie a ricercare degli strumenti tecnico/analitici adatti a una valutazione efficace del rischio di credito. Accanto al nuovo approccio standard, il Comitato ha individuato un modello basato sui rating interni che risalta maggiormente le valutazioni interne fatte dalle banche rispetto alle agenzie 13 Il ruolo svolto dalle banche nel sistema dei pagamenti induce a enucleare una particolare fattispecie di rischio di credito denominato “rischio di regolamento” o settlement risk, che sorge in relazione ai tempi e alle modalità di regolamento delle negoziazioni in valori mobiliari, divise e strumenti derivati. In Drago D. “Rischio d’interesse e gestione bancaria. Modelli e tecniche a confronto”. Edibank, anno 1998. 14 Il Comitato di Basilea per la Vigilanza Bancaria svolge un ruolo importantissimo nel coordinamento su scala internazionale della Vigilanza Bancaria attraverso l’emanazione di una serie di leggi e disposizioni di controllo dei rischi e di pilastri funzionali e operativi a cui devono attenersi le Autorità di Vigilanza nazionali. Tali Autorità, a loro volta, devono far rispettare le disposizioni emanate al sistema delle banche e degli intermediari finanziari assoggettate alle loro competenze.

Anteprima della Tesi di Daniele Avicolli

Anteprima della tesi: Rischio operativo e rischio di credito nell'attività bancaria, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Avicolli Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8069 click dal 16/06/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.