Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rischio operativo e rischio di credito nell'attività bancaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 consueti tre “capitoli” dei rischi di credito, di mercato, operativi 2 . Anche se la teoria concorda con il fatto che non possono nascere nuove tipologie di rischio al di fuori delle tre sopra citate, è pur vero che le banche hanno ampliato la loro operatività non solo nel settore del credito, ma soprattutto nei mercati finanziari attraverso l’utilizzo di strumenti “complessi” che offrono nuove opportunità di guadagno 3 . L’evoluzione e l’utilizzo di questi nuovi strumenti finanziari ha prodotto un aumento ulteriore della rischiosità complessiva degli intermediari intaccandone la stabilità e l’equilibrio. Infatti, si pensi alle opportunità offerte dagli strumenti derivati (come future, options, swaps, ecc.) che, da un lato sono molto utili in quanto consentono agli operatori di immunizzarsi dai rischi, mentre dall’altro possono provocare dei veri e propri dissesti finanziari se non vengono utilizzati con la necessaria consapevolezza. Tali opportunità, naturalmente, vengono valutate sulla base di una disponibilità vastissima di combinazioni rischio/rendimento che una banca può considerare per perseguire i propri obiettivi, seguendo una linea di scelte strategiche 2 Bianchi B. “La valutazione del rischio nell’attività bancaria”. Mondo Bancario, Maggio- Giugno 2000. 3 Le preferenze dei risparmiatori per forme di investimento più redditizie rispetto ai semplici depositi bancari hanno portato ad un assottigliamento del margine di intermediazione dell’intero sistema creditizio. Il combinarsi di tutti questi effetti ha così indotto le istituzioni creditizie a ricorrere ad una diversificazione delle attività in grado di generare reddito.

Anteprima della Tesi di Daniele Avicolli

Anteprima della tesi: Rischio operativo e rischio di credito nell'attività bancaria, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniele Avicolli Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8069 click dal 16/06/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.