Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Attrattività dei mercati internazionali:scelta del paese obiettivo e strategie di ingresso.Il caso Landqart

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 1.2. Le determinanti dell’internazionalizzazione dei mercati Nel presente studio si è cercato di evidenziare e analizzare quali siano le determinanti dell’internazionalizzazione delle imprese, allo scopo di individuare i fattori propulsivi del suddetto processo e le dinamiche di integrazione dell’economia “globale”, individuabili nel progresso scientifico e tecnologico, nell’evoluzione dei trasporti e delle telecomunicazioni, nella maggiore accessibilità degli strumenti di informazione, nell’abbattimento delle barriere istituzionali e nell’affermazione delle economie di mercato. Il tutto profondamente segnato da un mutamento culturale in continua evoluzione e da un’integrazione sociale alle prese con le sfide della destatalizzazione ed espansione di un mercato sempre più mondiale. A proposito di progresso tecnologico sembra interessante notare cosa pensi uno studioso come Levitt relativamente all’evoluzione tecnologica del mercato globale 10 . Egli sostiene che sia la tecnologia a guidare il mondo verso l’omogeneizzazione dei bisogni e dei desideri 11 , determinando l’emergere dei mercati globali per beni standardizzati (Fig.1). 10 “La tecnologia ha reso accessibile a tutti le comunicazioni, i trasporti, i viaggi. Essa ha fatto si che anche nei luoghi più isolati e fra le popolazioni più povere sia giunto il richiamo del mondo moderno. (…) La nuova Repubblica della tecnologia omogeneizza gusti, esigenze e possibilità in un mercato planetario: da ciò derivano prodotti globalmente standardizzati e l’opportunità di realizzare enormi economie di scala. L’offerta a costi più bassi sui mercati internazionali produce una crescita esponenziale e, sulla spinta di prezzi decisamente allettanti, cadono le antiche resistenze locali ad accettare prodotti diversi per caratteristiche, design e funzionalità. Come emerge, la strategia della standardizzazione non è una semplice risposta all’omogeneità dei mercati, ma un fattore di espansione degli stessi attraverso una politica dei prezzi aggressiva” (LEVITT T., “The Globalization of Markets”, Harvard Business Review, May-June (trad.it.: “La globalizzazione dei mercati” in SCOTT W.G. (a cura di ), Il marketing internazionale, Isedi Petrino, Torino, 1996, p.40.) 11 Secondo Kotler esiste una distinzione tra bisogni, desideri e domanda: il bisogno altro non è che un sentimento di mancanza nei confronti di una soddisfazione generale legata alla condizione umana; il desiderio sarebbe un mezzo privilegiato per soddisfare un bisogno; mentre i bisogni generici sono stabili e limitati nel numero, i desideri sono molteplici, mutevoli e continuamente influenzati da tutte le forze sociali; i desideri si tramutano in domanda potenziale di prodotti specifici quando sono accompagnati da un potere o da una volontà di acquisto. Scrive il Kotler: “…il marketing influenza i desideri. Per esempio, esso suggerisce ai consumatori che l’acquisto di una Cadillac è un buon sistema per soddisfare le proprie esigenze di status sociale. Il marketing non crea il bisogno di status sociale, bensì si limita a suggerire in che modo un bene o una marca possono contribuire alla sua soddisfazione”; KOTLER P., Marketing managment, ISEDI, Torino,1997

Anteprima della Tesi di Alvaro Placa

Anteprima della tesi: Attrattività dei mercati internazionali:scelta del paese obiettivo e strategie di ingresso.Il caso Landqart, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alvaro Placa Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4569 click dal 16/06/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.