Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Peter Pan, il bambino che non voleva crescere: dalla letteratura al cinema

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 tre cause: i destinatari delle due opere, la prima è stata scritta principalmente per gli adulti, mentre la seconda è stata realizzata per i bambini. La seconda causa è lo spazio narrativo a disposizione dei due autori, Barrie poteva contare su un lasso di tempo decisamente più lungo rispetto alle poco meno di due ore concesse a Disney. La terza causa è dovuta alla diversa epoca in cui le due opere sono state realizzate. E’ interessante capire anche i motivi per cui Peter Pan sia diventato un simbolo. Nel primo capitolo, si è quindi ritenuto utile fare una panoramica della letteratura per l’infanzia a partire dalle sue origini per arrivare a J. M. Barrie. Per meglio comprendere il personaggio, si è riportata anche la vita dell’autore, essendo Peter and Wendy un romanzo con notevoli elementi autobiografici. Il risultato dell’indagine è stata l’individuazione degli elementi che caratterizzano Peter Pan e lo rendono un’icona. Il bambino, essendo scappato di casa, è orfano, come la maggior parte dei protagonisti della letteratura per l’infanzia del periodo; questa situazione gli permette di poter affrontare esperienze che altrimenti non avrebbe fatto, come quella di volare alla volta di Neverland. La capacità di volare rispecchia, soprattutto nel film, la gioia di vivere e la spensieratezza del bambino. Nel libro di Barrie, rappresenta principalmente lo scappare dalle responsabilità terrene; il volo è il modo per realizzare i desideri e trasportarsi in una realtà diversa. Si è, inoltre, analizzata l’intera storia utilizzando le funzioni individuate da Propp. 2 Si è ricercato quali di queste siano presenti nell’opera di J. M. Barrie. Il mito di Peter Pan viene utilizzato anche nell’ambito della psicologia, poiché Peter ha molte delle caratteristiche che colpiscono i bambini che si sentono rifiutati dai genitori; da qui deriva il nome della sindrome di Peter Pan. Nonostante il bambino che non voleva crescere sia una figura universale, dato che rappresenta le paure che tutti devono affrontare, esso viene recepito in modo differente da culture diverse. In Inghilterra, infatti, Peter Pan è quasi un eroe nazionale ed è molto presente nella cultura di tutta la popolazione. Questa affermazione è giustificata dalla popolarità della versione teatrale dell’opera di Barrie, che è da subito diventata la commedia natalizia per eccellenza e a cui molte famiglie assistono ogni anno. 2 Vladimir Ja. Propp, etnologo russo, ha analizzato le fiabe popolari russe, formulando una teoria sulla loro struttura, legata alle origini e alla funzione, che è valida anche per le nostre fiabe, poiché anch’esse di derivazione indoeuropea

Anteprima della Tesi di Federica Crespi

Anteprima della tesi: Peter Pan, il bambino che non voleva crescere: dalla letteratura al cinema, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federica Crespi Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 24108 click dal 29/06/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.