Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vibrazioni prodotte da infrastrutture di trasporto in fase di costruzione e di esercizio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1: Posizione del problema e approccio allo studio 1 I POSIZIONE DEL PROBLEMA E APPROCCIO ALLO STUDIO I.1 INTRODUZIONE Il problema delle vibrazioni degli edifici ha assunto negli ultimi anni sempre maggiore importanza, sia in relazione alla diversa tipologia strutturale delle costruzioni moderne, legate ad un più razionale utilizzo dei materiali con caratteristiche meccaniche superiori, sia in relazione al moltiplicarsi delle fonti di vibrazione, e in special modo quelle generate dalle attività dell’uomo. Le onde perturbatrici possono avere origine da sorgenti generiche, costituite, da impianti fissi, quali macchinari, o da fonti occasionali, quali infissione di pali o scavi in genere, od anche, e soprattutto, da traffico veicolare e ferroviario, superficiale e sotterraneo. Fig.1.1: Inquadramento del problema. Gli effetti principali di sorgenti eccitanti sono il rumore e le vibrazioni. I due fenomeni pur avendo medesima origine, presentano caratteristiche, modalità di propagazione ed effetti notevolmente diversi. Il rumore (air-borne vibrations) è dovuto alla propagazione aerea di onde a frequenza maggiore di 50Hz.

Anteprima della Tesi di Vincenzo Aiello

Anteprima della tesi: Vibrazioni prodotte da infrastrutture di trasporto in fase di costruzione e di esercizio, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Vincenzo Aiello Contatta »

Composta da 241 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1631 click dal 18/06/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.