Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prodotti tipici, azioni di marketing ed educazione alimentare: l'esperienza nelle scuole primarie di Reggio Emilia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 Al settimo mese inizia la vera stagionatura con il trasferimento del prosciutto in locali più freschi e meno ventilati; durante il passaggio si effettuano anche le operazioni di “spillatura” (esame di tipo olfattivo). Con la "spillatura", un ispettore darà il verdetto. Viene verificata la maturità e qualità del prosciutto con un ago d'osso in 5 precisi punti. Solo se passa il difficile test, al dodicesimo mese, meriterà il marchio a fuoco della “Corona Ducale a 5 punte”, rispettando i requisiti del disciplinare di produzione. Il prodotto finale deve aggirarsi tra gli 8 e i 10 chili e comunque non può mai pesare meno di 7 chili. Una volta affettato il prosciutto presenta un bel colore rosa intenso, e un bordo di grasso bianco. Il profumo è dolce e delicato. CONTROLLI E ISPEZIONI Durante le fasi della lavorazione, gli incaricati dell’Istituto Parma Qualità possono operare controlli ed ispezioni sia per effettuare verifiche ed esami sulle carni, sia per accertare la regolarità della tenuta dei registri e di ogni altra documentazione, sia per constatare che le modalità di lavorazione corrispondano alle prescrizioni della legge e del presente regolamento. Il veterinario ufficiale incaricato della vigilanza sanitaria mette a disposizione dell’organismo abilitato, su richiesta dello stesso, tutti gli atti d’ufficio ritenuti necessari per controllare il regolare svolgimento delle operazioni e l’osservanza delle prescrizioni previste dalla legge e dal regolamento. Questo contrassegno è l’ultimo di una serie che garantisce l’avvenuto controllo in ogni fase, riportando anche il codice identificativo delle imprese che hanno preso parte all’intero ciclo di lavorazione.

Anteprima della Tesi di Giulia Grazi

Anteprima della tesi: Prodotti tipici, azioni di marketing ed educazione alimentare: l'esperienza nelle scuole primarie di Reggio Emilia, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giulia Grazi Contatta »

Composta da 263 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6598 click dal 06/07/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.