Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno naziskin. Analisi di una sottocultura giovanile.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Holzer , recependo appieno la portata di questi cambiamenti, afferma: “Come infatti si intuisce già dall’esempio del Partito nazionaldemocratico in Germania (NPD), ma anche dagli sforzi per acquisire credibilità del Front National, del Msi con la sua evoluzione in Alleanza nazionale, dei Republikaner e del Partito liberale in Austria (FPÖ), il successo delle forze elettorali di estrema destra in Europa è legato attualmente proprio alla loro capacità di “superare” un passato così compromettente, di staccarsi pian piano da continuità sia personali che programmatiche con i fascismi storici, e – pur continuando a mandare segnali che rassicurino in modo credibile sul loro legame tuttora integro con la tradizione – di portare avanti l’inevitabile adeguamento alla mutata situazione della società industriale.” 18 A questo proposito è illuminante una recente dichiarazione del segretario del partito Msi Fiamma tricolore, Pino Rauti, al Corriere della Sera che, annunciando il suo imminente abbandono della segreteria del partito, afferma: “Sono vecchio, appartengo al passato, perciò mi faccio da parte.”… “ Il bipolarismo impone di essere realisti. Da soli ci si logora e basta. Dobbiamo stringere accordi elettorali con il centrodestra se vogliamo contare. Io rappresento un riferimento storico che potrebbe essere di ostacolo alle alleanze. Allora le trattative con il Polo le facciano i giovani. 19 Data la presenza, all’interno dell’estrema destra, di un’ampia gamma di gruppetti, forze elettorali e interessi editoriali controversi, è evidente che la grande eterogeneità di programmi politici in concorrenza tra di loro, che vanno dalle idee di ordine autoritarie e conservatrici, a quelle nazionaliste-rivoluzionarie, fino a quelle razziste e neonaziste, renda assai arduo tracciare un filo ideologico che le raggruppi tutte. Ciò nonostante alcune concezioni ideologiche di fondo, che quasi tutti i movimenti di estrema destra condividono, costituiscono un humus comune dal quale questi movimenti attingono a piene mani allo scopo di “costruire” i propri fondamenti ideologici. 18 Willibald I.HOLZER La destra estrema Trieste 1999, Asterios Editore, pp.24-25 19 Tratto dal Corriere della Sera del 8 febbraio 2002, Rauti:lascio, il futuro è con il Polo, M.Ne.

Anteprima della Tesi di Barbara Bozzetti

Anteprima della tesi: Il fenomeno naziskin. Analisi di una sottocultura giovanile., Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Barbara Bozzetti Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5924 click dal 23/06/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.