Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La flessibilità ed il contratto collettivo nazionale bancari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Dalla dottrina dell’epoca si evince però che il contratto collettivo corporativo non aveva come scopo principale quello di assicurare delle condizioni minime di lavoro (che era stato l’obiettivo principale delle prime organizzazioni sindacali ed il fulcro dei Concordati di Tariffa) bensì piuttosto un’uniformità di queste: una conferma di questo indirizzo è data dalla legislazione penale del 1930, che vietava lo sciopero e la serrata. 6 Pertanto, appare chiaro che lo scopo del contratto corporativo era la pacificazione sociale, ottenuta mediante l’uniformità contrattuale sotto un potere statale estremamente centralizzato e persuasivo, tipico del periodo fascista: uno strumento di ordine, più che di difesa del contraente debole. 6 Per una panoramica sulla dottrina dell’epoca vedi FRANCO CARINCI, Il diritto sindacale, Laterza, 3a ed., cap I. L’art. 502 del c.p , intitolato Serrata e sciopero per fini contrattuali, recitava: “Il datore di lavoro che, col solo scopo di imporre ai suoi dipendenti modificazioni ai patti stabiliti, o di opporsi a modificazioni di tali patti, ovvero di ottenere o impedire una diversa applicazione dei patti o usi esistenti, sospende in tutto o in parte il lavoro nei suoi stabilimenti, aziende o uffici, è punito con la multa non inferiore a lire quattrocentomila. I lavoratori addetti a stabilimenti, aziende o uffici, che, in numero di tre o più, abbandonano collettivamente il lavoro, ovvero lo prestano in modo da turbarne la continuità o la regolarità, col solo scopo di imporre ai datori di lavoro patti diversi da quelli stabiliti, ovvero di opporsi a modificazioni di tali patti o, comunque, di ottenere o impedire una diversa applicazione dei patti o usi esistenti, sono puniti con la multa fino a quarantamila” L’art. 502 è stato dichiarato costituzionalmente illegittimo dalla Corte Costituzionale con sentenza 4 maggio 1960, n. 29.

Anteprima della Tesi di Matteo Garnero

Anteprima della tesi: La flessibilità ed il contratto collettivo nazionale bancari, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Matteo Garnero Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2291 click dal 22/06/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.