Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le donne e il fascismo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 Il distacco tra il “paese legale” e “il paese reale” era infatti il tema dominante dell’analisi e della preoccupazione di molti politici e intellettuali che , a loro volta, erano divisi sulle soluzioni da adottare. “Nel dopoguerra, la proposta d’integrazione offerta dal fascismo con la nazionalizzazione delle masse, costituì, dopo il fallimento del tentativo rivoluzionario socialista, la prima iniziativa d’integrazione delle masse nello stato”. 1 Il fascismo si sforzò di costruire un complesso di organizzazioni più o meno diffuse, il cui fine principale era quello di suscitare un sentimento ed uno spirito comune. Anche le masse femminili rientravano in questo progetto. Il problema del consenso e della sua formazione, nonché dell’adesione al regime, è una questione estremamente dibattuta all’interno del rapporto tra italiani e fascismo. Secondo Victoria De Grazia, almeno per quel che riguarda le donne la questione è irrisolvibile: cogliere la diversità dell’esperienza femminile e nello stesso tempo indicare le forme aperte e subdole con le quali il fascismo proponeva nuove nozioni di femminilità e di cittadinanza per le donne, significa rompere con alcuni stereotipi diffusi negli studi sul regime: “Mi riferisco in primo luogo alla domanda se le donne abbiano appoggiato il fascismo. Se con appoggio si intende consenso la questione è irrisolvibile, dal momento che in un regime autoritario non esiste la possibilità di esprimere liberamente la propria opinione.” 2 Inoltre, sempre secondo De Grazia, è un’eccessiva semplificazione parlare delle donne italiane come di un solo soggetto. Vi erano forti differenze di classe e di cultura. Vi erano donne disinvolte e cosmopolite che si riunivano nei salotti raffinati di Roma e Milano come la scrittrice Margherita Sarfatti, e donne di campagna invecchiate anzitempo che avevano una famiglia di sei e più persone e sottostavano alla volontà del “capoccia”, cioè del mezzadro che dirigeva la famiglia con stile tipicamente patriarcale. Vi erano donne di città che leggevano i rotocalchi di stampo vagamente americano, e donne di città di educazione cattolica che si dedicavano alle pratiche di devozione al Sacro Cuore di Gesù. 3 1 Cfr. D. Veneruso, L’Italia fascista 1922-1945, Il Mulino, Bologna, 1996, pag. 175 2 De Grazia, Le donne nel regime fascista, Marsilio Editori, Venezia 1993, pag. 33 3 Ivi, pag. 31-32

Anteprima della Tesi di Marina Speri

Anteprima della tesi: Le donne e il fascismo, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Marina Speri Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15782 click dal 23/06/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.