Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le donne e il fascismo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Lo sforzo di coinvolgere le donne nel processo di fascistizzazione della società non rimase confinato alle campagne; si dispiegò con molta energia nelle città dapprima attraverso l’organizzazione dei Fasci Femminili, preposti all’affermazione della concezione fascista della donna, antiemancipazionista e sessista; successivamente videro la luce una serie di opere di assistenza e di servizi sociali, quali ad esempio l’O.N.M.I., Opera Nazionale per la protezione della maternità e dell’infanzia. Attraverso queste associazioni cominciarono a circolare nuove pratiche educative e igienico-sanitarie, che stimolarono impulsi modernizzatori nei costumi sociali e nella mentalità collettiva e si tradussero nel riconoscimento di alcuni elementari diritti per la donna: dagli asili d’infanzia alla tutela della donna lavoratrice, dall’istruzione ad un’autonoma vita associativa. 11 Negli anni trenta il Duce chiamò la donna alla partecipazione attiva, alle adunate, alle marce, alla costruzione di una Grande Nazione. Nacquero così il Dopolavoro e le organizzazioni sportive, dove le donne, ovviamente sotto stretto controllo maschile, svolgevano funzioni assistenziali e addirittura sviluppavano una coscienza di razza che sarebbe servita poi a distanza di tempo come supporto ideologico per la politica coloniale. Si trattò di una vera e propria politica per la formazione della donna che veniva istruita nell’economia domestica, nell’educazione all’infanzia, nell’assistenza sociale ed educata alla salute e a una sana maternità attraverso l’introduzione dell’educazione fisica e dello sport femminile. Se da un lato il fascismo condannava tutte le pratiche sociali connesse con l’emancipazione femminile, dal voto al lavoro extra-domestico, al controllo delle nascite, dall’altro, nel tentativo di accrescere la forza della nazione si vide costretto ad utilizzare tutte le risorse disponibili compresa la risorsa “donna” e così finì per promuovere quegli stessi cambiamenti che cercava di evitare. Emerge qui l’ambivalenza propria degli organismi di massa promossi dal Regime che in più di un’occasione sono stati messi in evidenza dai sociologi: da un lato, infatti, tali organismi erano istituiti con l’intento di realizzare un controllo sociale, dall’altro per costituire delle occasioni di ascesa sociale per le classi intermedie a cui spesso era affidata la loro direzione politica; per contro, però, “essi contribuirono spesso ad attivare processi di reale 11 Cfr. De Grazia, Le donne nel regime fascista, pag. 326-327

Anteprima della Tesi di Marina Speri

Anteprima della tesi: Le donne e il fascismo, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Marina Speri Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15782 click dal 23/06/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.