Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le donne e il fascismo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 modernizzazione della società dagli esiti imprevedibili e soprattutto costituirono uno strumento di partecipazione e di presa di parola da parte dei soggetti sociali coinvolti, in forme e modi del tutto contrari agli interessi del regime stesso. 12 La mobilitazione di massa, la modernizzazione dei servizi sociali e negli anni trenta il militarismo minavano di fatto le basi del concetto tradizionale di donna e famiglia. Al fascismo aderirono subito le donne giovani e delle città in quanto erano più vicine all’ondata rivoluzionaria ed emancipazionista proveniente dall’Europa. Il fascismo femminile fu all’inizio, come quello maschile, un fenomeno urbano e di provenienza piccolo-medio borghese. Le fasciste della prima ora vedevano nel progetto fascista, l’alternativa al vuoto lasciato dal liberalismo. “Il primo fascio femminile d’Italia venne fondato a Monza da Elisa Savoia nel marzo 1920. Verrà sciolto lo stesso anno insieme ad altri fasci femminili, poi ricostituiti nel 1921, dopo aver eliminato le forze femminili considerate moralmente e politicamente malsane.” 13 Le donne del primo fascismo si confondevano nelle avanguardie femminili europee dell’immediato dopoguerra, che cercavano di utilizzare il patrimonio politico dell’emancipazionismo e del suffragismo del primo Novecento e il riconoscimento del massiccio apporto della manodopera femminile durante la guerra per ottenere il diritto di voto, l’eliminazione di una serie di vincoli di tutela paterna e maritale e gli ancora numerosi divieti d’accesso alle donne a numerose professioni e più in generale alla piena acquisizione della cittadinanza. 14 Queste donne, diverse per idee, provenienza ed esperienze, costituirono una opportunità irripetibile per il fascismo che ne sfruttò abilmente la passione, l’intelligenza ed il carisma per diffondere le sue idee. Nel 1919-20 il Duce si fece carico delle richieste avanzate dalle donne, assumendo anche posizioni rivoluzionarie che però ebbero breve durata : emblematica la questione del diritto di voto, le cui limitazioni e discriminazioni esprimono in realtà molto bene l’ostilità del fascismo all’emancipazione femminile. 12 Cfr. A. De Bernardi, Il fascismo e le sue interpretazioni, Bruno Mondadori, Milano, 1998, pag. 76 13 A. De Bernardi-Scipione Guarracino, Dizionario del fascismo, Bruno Mondadori, Milano 1998, pag. 260 14 Cfr. P. Dogliani, L’Italia fascista 1922/1940, Sansoni Editore, Milano 1999, pag. 97

Anteprima della Tesi di Marina Speri

Anteprima della tesi: Le donne e il fascismo, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Marina Speri Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15782 click dal 23/06/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.