Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cooperazione penale internazionale: profili di diritto sostanziale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 Il progetto in questione è molto importante perché, a differenza delle convenzioni o degli altri atti adottati in materia, si presenta come un vero e proprio sistema composto, in maniera però non esaustiva, di norme di diritto penale sostanziale e diritto processuale. Il Corpus juris si suddivide in due titoli: uno dedicato, appunto, al diritto penale sostanziale e l’altro delineante regole di procedura penale. Una novità molto importante consiste nel fatto che non sono solamente delineate condotte illecite che gli Stati dovrebbero punire penalmente, come avvenuto nelle convenzioni esaminate supra, ma si delinea una vera e propria parte generale contenente disposizioni sull’elemento soggettivo, sull’errore e sulla commisurazione delle pene. L’art. 10 ( Elemento soggettivo) prevede, per i reati delineati nel Corpus, la necessità del dolo, ad eccezione della frode comunitaria dove è sufficiente l’imprudenza grave o la negligenza grave. L’art. 12 ( Responsabilità penale individuale) individua, ai fini della responsabilità penale e della relativa commisurazione della pena, le figure dell’autore 2 , istigatore 3 , complice 4 , articolando l’istituto del concorso di persone soprattutto secondo l’esperienza francese e tedesca. Particolare attenzione è dedicata anche alla responsabilità penale dell’imprenditore o delle persone che abbiano potere di controllo o di decisione all’interno dell’impresa. 2 Colui che commette i fatti incriminati o che partecipa, come coautore, alla commissione. 3 Colui che mediante doni, promesse, minaccia ordine, abuso di autorità o di potere provoca il reato o dà istruzioni per commetterlo. 4 Colui che scientemente, mediante aiuto o assistenza, facilita la preparazione o la consumazione del reato.

Anteprima della Tesi di Massimo Pietrini

Anteprima della tesi: La cooperazione penale internazionale: profili di diritto sostanziale, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimo Pietrini Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6671 click dal 29/06/2004.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.