Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Barry Lyndon tra letteratura e cinema

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 consentito di ritrarre il diciottesimo secolo con il realismo di un documentario 23 . Per rendere ancora più difficile il lavoro, Kubrick pretendeva di trovare le location vicine alla sua casa di Boreham Wood, subito fuori Londra, e spedì squadre di fotografi a scattare foto di tutte le belle case a distanza di massimo novanta minuti da casa sua. Ken Adam dovette usare stanze di case diverse per creare gli spazi delle ambientazioni dei film, poiché gli era stato richiesto di lavorare solo in ambienti reali; alla fine riuscì a convincere Kubrick ad andare più lontano per gli ambienti del film. La ricerca si estese all’Irlanda, ma trovare edifici ci tipo continentale era un’impresa molto difficile. Parte del film si svolgeva in Germania, ma lo scenografo non riuscì a convincere il regista a spostarsi fino a là; a fine produzione si convinse a mandare in Germania una seconda unità con il compito di catturare l’atmosfera tedesca dell’epoca attraverso fotografie di castelli e strade; Kubrick si ritrovò così a studiare un numero incalcolabile di fotografie scattate in Germania per concepire le sequenze tedesche. Kubrick ed Adam avevano approcci molto diversi alla scenografia di Barry Lyndon: il metodo di Adam partiva da un’ampia ricerca sull’epoca in cui doveva essere ambientato il progetto; Kubrick, invece, intraprese uno studio meticoloso dei dipinti con l’intenzione di ricreare esattamente le immagini dei maestri dell’epoca, usandoli come guida per rendere l’esatto aspetto dei set, degli arredi e dei costumi. Per i costumi, Kubrick ingaggiò Milena Canonero e Ulla-Britt Soderlund, che acquistarono vestiti del diciottesimo secolo, che dovettero adattare, poiché, in media, le persone del Settecento erano di taglia più piccola. Interessanti per capire quanto difficile fu il lavoro sui costumi, sono due testimonianze di chi era sul set come attore o come scenografo. Murray Melvin, infatti, disse: Quando creammo i costumi e le parrucche, i muri dell’ufficio erano ricoperti da centinaia e centinaia di fotografie di quel periodo, per 23 Vedi nota 25.

Anteprima della Tesi di Carlotta Bevini

Anteprima della tesi: Barry Lyndon tra letteratura e cinema, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Carlotta Bevini Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7898 click dal 14/07/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.