Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Barry Lyndon tra letteratura e cinema

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 §2 . Stanley Kubrick e il suo Barry Lyndon: genealogia del film. Dopo il controverso successo di A Clockwork Orange, che aveva portato al regista grande fama ed ammirazione dai cineasti di tutto il mondo, ma che gli aveva procurato anche critiche e problemi dal punto di vista dell’incolumità personale, a Kubrick arrivarono molte ed interessanti proposte per nuovi film. La Goodtimes, società inglese gestita da David Puttnam e Sandy Lieberson, mise insieme il progetto più intrigante che sia stato offerto al regista proprio dopo A Clockwork Orange: un film sulla carriera di Albert Speer, l’architetto di Hitler. Dopo molti incontri e ricerche storiche per la preparazione del film, Kubrick rinunciò a questo progetto adducendo una scusa che lasciò perplesso Speer: “Io sono ebreo. Non posso essere coinvolto in questo progetto”; in realtà tutti ebbero la sensazione che la decisione del regista fosse motivata più dalla sua paura di gaffe nelle pubbliche relazioni 15 . Ormai anche il progetto del film Napoleon era diventato qualcosa di stimolante ma ingombrante: Ian Holm, la scelta di Kubrick per interpretare il ruolo di Napoleone, aveva già recitato in una serie televisiva proprio sulla vita del grande personaggio storico e Burgees, che aveva già pronto il romanzo che sarebbe dovuto servire come intelaiatura per la sceneggiatura del film, smise di aspettare e pubblicò Napoleon Symphony come romanzo. Kubrick cominciò così a pensare ad un nuovo film da proporre alla Warner in cui poter sfruttare la mole di ricerche sul periodo napoleonico. Dopo Guerra e pace, il romanzo ambientato in quel periodo che vantava più adattamenti per il cinema era La fiera della vanità di William Makepeace Thackeray; il romanzo era già diventato un film nel 1923, nel 1932 e nel 1935 con il titolo di Becky Sharp e circolavano inoltre voci su un adattamento televisivo per la BBC, per cui il regista 15 John Baxter, Stanley Kubrick. A biography. Harper and Collins Publishers 1997.

Anteprima della Tesi di Carlotta Bevini

Anteprima della tesi: Barry Lyndon tra letteratura e cinema, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Carlotta Bevini Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7898 click dal 14/07/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.