Skip to content

Efficacia del modello alimentare mediterraneo sulla protezione da stress ossidativo nei diabetici

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
perossidasi, e a livello epatico contribuisce a inattivare metaboliti intermedi reattivi, dotati di azione radicalica, provenienti dalle reazioni di fase I, grazie all’azione catalizzante della glutatione-trasferasi; è infine una delle molecole più attive sul fronte del rifornimento di elettroni alle molecole antiossidanti in prima linea, come la vitamina E e la vitamina C [24]. - I bioflavonoidi: famiglia composta da più di 600 sostanze (flavoni, flavani, flavonoli, flavononi, flavonolignani, catechine, fitocianidine,etc.) la cui comune caratteristica è quella di lavorare in sinergia con la vitamina C, esaltandone l’attività e la potenza antiossidante mediante un’azione protettiva nei suoi confronti [24,27]. - Il coenzima Q 10 : oltre ad essere una sostanza indispensabile per il trasporto di elettroni nella catena respiratoria mitocondriale e quindi per la produzione di ATP, possiede una spiccata attività antiossidante che si esplica nella protezione dai radicali liberi dei lipidi di membrana, resa più efficace dalla sua lipofilia, e nella partecipazione al meccanismo di rifornimento di elettroni alle strutture antiradicaliche. - L’Acido lipoico: accanto ad una funzione essenziale di tipo metabolico nella cascata di reazioni della glicolisi, l’acido lipoico esplica un’importante azione antiossidante su diversi livelli: funge da agente di trasferimento di elettroni, partecipando al rifornimento di vitamine E e C; agisce da "spazzino" nei confronti di diversi radicali liberi e ROS (radicali idrossilici e perossilici, acido ipocloroso, ossigeno singoletto). Grazie alla sua particolare conformazione e alle sue dimensioni molecolari, è solubile sia in comparti "acquosi" che in quelli "lipidici", potendo così raggiungere i più disparati settori corporei, compresi quelli encefalici. - Il Selenio: è un elemento traccia presente nel nostro organismo in quantita’ limitatissime (nel plasma 59-105 µg/l), ma essenziale per molte funzioni. E’ coinvolto nel metabolismo degli ormoni tiroidei e in particolare nella conversione del T 4 in T3, contribuisce, inoltre, ad aumentare le difese immunitarie, aumentando la produzione di anticorpi e inibendo l'anormale crescita cellulare. Come cofattore dell'enzima glutation-perossidasi il selenio svolge un’ azione ubiquitaria e protegge dal danno radicalico le cellule, i globuli rossi e le membrane cellulari. Mediante composti marcati si è potuto stabilire che il Se è presente nella glutation-perossidasi, enzima tatramerico contenente un atomo di selenio per subunità, presente nel fegato, nel rene e nel cristallino. Una forte carenza di selenio porta a una grave forma di cardiopatia dilatativa, nota come malattia di Keshan, individuata per la prima volta nella regione cinese di Keshan, dove il suolo è molto povero di selenio. Nell’adulto il fabbisogno è di 55 µg/die - Lo Zinco: è un importante elemento traccia (nel plasma 83-107 µg/dl). Esso è secondo solo al ferro nella concentrazione nei tessuti. Ha un ruolo importante nell'acuire i sensi come il gusto e l'olfatto. Lo zinco partecipa come cofattore di molti enzimi tra cui l'anidrasi carbonica, la fosfatasi alcalina e varie deidrogenasi, prendendo parte così al metabolismo di carboidrati, grassi e proteine. Lo zinco come parte dell'enzima rame-zinco superossido dismutasi, protegge le cellule dai radicali liberi. Al di là del suo intervento nel processo anti-radicalico, lo zinco è necessario per la sintesi, la secrezione e l'utilizzazione dell'insulina, e protegge le cellule beta pancreatiche dalla distruzione. I sintomi di carenza di zinco sono: ritardo nella crescita, mancanza di appetito, ritardo nella guarigione delle ferite, perdita di capelli, ipogonadismo nei maschi, difficoltà alla visione notturna, alterazione del gusto e dell'olfatto. Il fabbisogno negli adulti è di 10 mg/die nel maschio e 7 mg/die nella femmina. - Il Rame: come elemento traccia (nel plasma 80-140 µg /dl) è presente in tutti i tessuti del nostro organismo; è un importante componente di molti enzimi, tra cui la superossido dismutasi citoplasmatica in cui è associato allo zinco. La carenza di rame determina ritardo della crescita, anemia, mancanza di pigmenti nei capelli e nei tessuti e riduzione delle difese immunitarie. Il fabbisogno è di 1.2 mg/die nell’adulto.
Anteprima della tesi: Efficacia del modello alimentare mediterraneo sulla protezione da stress ossidativo nei diabetici, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Efficacia del modello alimentare mediterraneo sulla protezione da stress ossidativo nei diabetici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giorgia Antoni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Biologiche
  Relatore: Licia Carbini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alimentazione
biologia
diabete
dieta mediterranea
glutation perossidasi
glutatione
radicali liberi
selenio
stress ossidativo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi