Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Efficacia del modello alimentare mediterraneo sulla protezione da stress ossidativo nei diabetici

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Descrizione dei risultati I risultati ottenuti dall’elaborazione dei dati sono stati raccolti in tabelle e/o espressi mediante grafici. In base ai valori di normalità del B.M.I. il 14% dei soggetti risulta normopeso, il 46% sovrappeso, il 31% obeso di 1 a classe e il 9% obeso di 2 a classe. Valutazione 14% 46% 31% 9% Normopeso Sovrappeso Obeso 1a classe Obeso 2a classe In base ai dati comportamentali riportati nei quaderni-questionari risulta che il 51% dei soggetti svolge un’attività fisica leggera e il restante 49 % svolge un’attività fisica moderata. Mediante questionario è stato chiesto ai pazienti quale fosse la frequenza e la modalità di consumo dei seguenti alimenti ricchi in selenio e zinco [32,39]: carne (agnello, coniglio, maiale, manzo, pollo/tacchino e vitello) salumi (prosciutto crudo, prosciutto cotto e bresaola) frattaglie (fegato di bovino, fegato di suino e rene di bovino) pesce e prodotti ittici (acciughe, cozze, gamberi, merluzzo, ostriche, seppie/polpi, sgombro, sogliola e tonno sott’olio) formaggi (crescenza, emmenthal, mozzarella, parmigiano e provolone) legumi (ceci, fagioli e lenticchie) frutta secca (arachidi, mandorle e noci) Per quanto riguarda il consumo delle carni si osserva che la carne di agnello è consumata occasionalmente dal 63% dei soggetti; la carne di coniglio è consumata 1-2 volte al mese dal 51% dei soggetti; mentre le carni consumate più di frequente (1-2 volte la settimana) sono quelle di maiale (42% dei soggetti), pollo/tacchino (67%), manzo (55%) e vitello (48%). Inoltre, risulta che le carni fresche sono preferite a quelle surgelate dal 79% dei soggetti. I salumi sono consumati in quantità inferiore rispetto alle carni fresche e in particolare il consumo di bresaola è limitato al 16% dei soggetti. Simili risultati riguardano il consumo di frattaglie, che risultano non essere consumate dalla maggior parte dei pazienti. Il consumo del pesce e dei prodotti ittici è inferiore rispetto al consumo delle carni; inoltre alcuni prodotti come ostriche, acciughe e sgombro, non vengono quasi mai consumati; invece la frequenza maggiore è attribuita al consumo di seppie/polpi e di merluzzo (1-2 volte al mese) e al tonno sott’olio (1-2 volte la settimana). Anche in questo caso gli alimenti freschi sono preferiti a quelli surgelati dal 73% dei soggetti. Per quanto riguarda il consumo dei formaggi si nota che hanno una frequenza elevata soltanto il parmigiano (79% per 3-4 volte la settimana) e la mozzarella (53% per 1-2 volte la settimana). I legumi entrano a far parte della dieta 1-2 volte la settimana per oltre il 50% dei soggetti, e la modalità di consumo è varia (freschi, secchi, in scatola). La frutta secca, ovviamente, viene consumata da circa il 60% dei soggetti solo occasionalmente.

Anteprima della Tesi di Giorgia Antoni

Anteprima della tesi: Efficacia del modello alimentare mediterraneo sulla protezione da stress ossidativo nei diabetici, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Giorgia Antoni Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6246 click dal 01/07/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.