Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interfaccia digitale della Pubblica Amministrazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Informatica e diritto 13 L’adozione di questo approccio avrebbe determinato “un mutamento di mentalità dello studioso e dell’operatore del diritto, costretti, l’uno e l’altro, a staccarsi dagli schemi fondamentali del formalismo giuridico a cui erano abituati, giacché il diritto veniva considerato come un universo scritto sui codici e la cultura giuridica era ritenuta puramente umanistica ed anzi libresca” 6 . E’ interessante notare come, già allora, all’innovazione tecnologica considerata in re ipsa facesse seguito una riflessione sul cambiamento di mentalità, di approccio e di modus operandi che lo strumento informatico avrebbe prima reso solamente possibile, poi imposto in considerazione dei nuovi ritmi di lavoro, e di vita, che la “società dell’informazione” avrebbe progressivamente introdotto. Una definizione matura, che tiene pertanto conto di tutti gli elementi fin qui esposti, è quella di Ettore Giannantonio 7 : “Il diritto è norma. La norma prevede i fatti giuridici, ossia i fatti dai quali derivano conseguenze giuridiche, e le attività, cioè il complesso degli atti posti in essere da un determinato soggetto per l’espletamento di una funzione o di un servizio pubblico. L’informatica giuridica può, quindi, avere per oggetto norme, fatti, attività; ed a seconda dell’oggetto può distinguersi in informatica delle fonti o informatica normativa, informatica dei fatti giuridici o informatica documentaria e informatica di gestione o informatica giudiziaria. Il valore di tali distinzioni e definizioni è fondato sull’utilità pratica di comprendere sotto un solo nome una serie di fenomeni simili o funzionalmente collegati e distinguerli – così facendo – da altri fenomeni dissimili”. Secondo questa definizione, diventa quindi possibile suddividere gli ambiti di applicazione dell’informatica giuridica in tre macro-categorie: informatica normativa, intesa come trattamento e memorizzazione delle informazioni necessarie all’applicazione del diritto; informatica giuridica documentaria, intesa come trattamento e memorizzazione di informazioni relative a fatti giuridici diversi dalle fonti; informatica giudiziaria, intesa infine come automazione e semplificazione di tutti i procedimenti coinvolti nell’attività giudiziaria e degli uffici legali in genere. Il primo fine riconosciuto all’informatica giuridica è quindi quello di organizzare, catalogare, correlare dati e norme con l’obiettivo di eliminare ridondanze, ripetizioni, ambiguità, disomogeneità nella descrizione e nel trattamento di fattispecie analoghe. 6 FROSINI V., come riportato in SIINO E., Pubblica Amministrazione e tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), Palermo, 2002. 7 GIANNANTONIO E., Introduzione all’informatica giuridica, 1984.

Anteprima della Tesi di Marco Soprani

Anteprima della tesi: L'interfaccia digitale della Pubblica Amministrazione, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Soprani Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4903 click dal 29/06/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.