Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strumenti di ecodesign per le piccole-medie imprese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 2.3 Approccio europeo all’integrazione Rispondere ai problemi ambientali è sempre stata una soluzione “no-win” per le aziende; “aiuta l’ambiente e danneggia la tua impresa” è stata per anni la regola (North, 1992). Con il passare degli anni però si è andati lavorando per una riconciliazione tra ambiente e profitto. Infatti è cresciuta la necessità da parte dei Paesi industrializzati di misurarsi con le nuove sfide che emergono nella prospettiva di uno Sviluppo Sostenibile (Carnimeo, Iraldo, 2000). Questo concetto è stato definito per la prima volta nel Rapporto Bruntland (WCED, 1987) come “ lo sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità per le generazioni future di soddisfare le proprie necessità”. Per i Paesi decisi a confrontarsi con l’attuazione di questo concetto, l’obiettivo è quello di realizzare sistemi di produzione e consumo di beni e servizi in grado di coniugare le esigenze di sviluppo economico con il rispetto dell’ambiente (Carnimeo, Iraldo, 2000). Le politiche di prodotto costituiscono una componente fondamentale per il perseguimento di tale obiettivo. I prodotti infatti sono essenziali per il benessere della nostra società; il consumo di prodotti, tuttavia è anche la causa diretta o indiretta di gran parte dell’inquinamento e della riduzione delle risorse (Frey, Iraldo, 1999). Le politiche di prodotto sono chiamate ad attivare processi virtuosi che al tempo stesso garantiscano un livello qualitativo elevato dei prodotti-servizi disponibili sul mercato, che diano luogo a un processo di selezione competitiva che consenta uno sviluppo economico più sostenibile e che generino una riduzione complessiva degli impatti ambientali lungo il ciclo di vita del prodotto riconosciuta come indispensabile per la salvaguardia dell’ambiente. 1 L’Unione Europea è convinta che per questa via (innovazione ambientale dei prodotti) si possa anche garantire un vantaggio competitivo del sistema produttivo comunitario. I prodotti del futuro dovranno utilizzare minori risorse, presentare un minore impatto e rischi inferiori per l’ambiente ed evitare la produzione di rifiuti fin dalla fase di progettazione (Frey, Iraldo, 2000). 1 Per utilizzare le parole del Green Paper sul contributo delle politiche ambientali di prodotto allo sviluppo sostenibile: un modo per intervenire sullo sviluppo sostenibile è quello di conseguire un nuovo paradigma di crescita e una più elevata qualità della vita attraverso la creazione di ricchezza e competitività sulla base dei prodotti più verdi.

Anteprima della Tesi di Stefano Pistis

Anteprima della tesi: Strumenti di ecodesign per le piccole-medie imprese, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Pistis Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2580 click dal 30/06/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.