Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La distribuzione nell'industria cinematografica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Introduzione Con il presente lavoro si è tentato di delineare il profilo delle imprese di distribuzione cinematografica operanti sia in Europa (con un occhio di riguardo per l’industria italiana) che negli Stati Uniti. Si è scelto tra tutti i comparti della filiera dell’industria cinematografica proprio quello della distribuzione perché, come diverrà evidente nella lettura della ricerca, è quello più strategicamente rilevante. Le differenze riscontrabili nelle industrie dei due continenti analizzati, a livello dell’intera filiera, hanno poi portato alla scelta obbligata di un raffronto dei due settori geografici, profondamente diversi anche a causa di motivi storici. Per quest’ultimo motivo, nel primo capitolo si è descriverà brevemente la Storia e l’evoluzione dell’industria cinematografica nei due continenti. Nel secondo capitolo si analizzerà invece la filiera dell’industria nel suo complesso (ad esclusione della distribuzione, il comparto-target di questa analisi), passo indispensabile per riuscire a comprendere al meglio le dinamiche relazionali verticali tra gli operatori del settore congiuntamente alle specificità del business. Nei successivi capitoli verrà analizzato dettagliatamente il comparto della distribuzione. Il metodo d’indagine utilizzato riprende quello degli economisti industriali della scuola di Harvard, ai quali è riconducibile il modello Struttura-Comportamento- Risultati, proposto da Bain nei primi anni Cinquanta, ma tuttora valido. Secondo questo approccio, i risultati di un’industria possono essere spiegati in modo esauriente da due diversi gruppi di variabili: le variabili relative alla struttura dell’industria e le variabili relative al comportamento delle imprese che la compongono. Più nel dettaglio, le variabili strutturali limitano il ventaglio di comportamenti attuabili dalle imprese, che a loro volta possono, mediante determinati comportamenti, modificare la struttura del settore. Dal terzo capitolo si inizierà quindi l’analisi delle variabili strutturali del settore: l’influenza dello Stato e dell’ambiente macroeconomico. Nel quarto capitolo si analizzeranno quindi le caratteristiche della domanda e nel quinto quelle dell’offerta.

Anteprima della Tesi di Omar Pesenti

Anteprima della tesi: La distribuzione nell'industria cinematografica, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Omar Pesenti Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5814 click dal 30/06/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.