Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La distribuzione nell'industria cinematografica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 La Seconda Guerra Mondiale impose un’ulteriore riduzione dell’offerta cinematografica da parte delle imprese europee, ma anche una riduzione considerevole della domanda. Comprensibilmente le importazioni dagli Stati Uniti aumentarono considerevolmente negli anni compresi tra il 1946 e il 1951 e in parte compresero anche i film realizzati negli anni precedenti, ma bloccati dalle ostilità. Nel periodo post-bellico un evento particolarmente importante cambiò radicalmente l’organizzazione economica del settore cinematografico statunitense: nel 1948 una serie di decisioni della Corte Suprema 4 riconobbe le cinque grandi imprese integrate e le tre imprese semi-integrate colpevoli di ridurre la concorrenza nel settore cinematografico, imponendo di interrompere l’utilizzo delle pratiche commerciali che vincolavano l’acquisto di film da parte degli esercenti e di operare una separazione formale e sostanziale di ciascuna delle cinque imprese completamente integrate in imprese di produzione e di distribuzione da un lato e imprese di esercizio dall’altro. Il numero di film distribuiti dalle imprese major diminuì di oltre il 50%. La stabilità economica delle attività e dei processi produttivi si interruppe. L’impossibilità di assicurare un mercato per il proprio output causò un generale decentramento delle attività di produzione cinematografica. Società di produzione indipendenti dalle Majors e imprese specializzate di servizi si sostituirono agli studio nel controllo di una serie di operazioni. Questi ultimi conservarono internamente solo una quota esigua dei progetti e concentrarono i propri interessi nel controllo della funzione di distribuzione e finanziamento della produzione. L’organizzazione delle attività produttive fu progressivamente trasferita al mercato. All’inizio degli anni Cinquanta, inoltre, il successo commerciale della televisione come mezzo di intrattenimento alternativo provocò effetti negativi rilevanti sul consumo di prodotti cinematografici nelle sale, sia negli Stati Uniti che in Europa: la domanda di film subì una riduzione regolare e continua, come è possibile osservare nel grafico seguente (Figura 1.1), rappresentante la vendita di biglietti in Italia. 4 Tra cui il famoso caso Paramount.

Anteprima della Tesi di Omar Pesenti

Anteprima della tesi: La distribuzione nell'industria cinematografica, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Omar Pesenti Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5814 click dal 30/06/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.