Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La distribuzione nell'industria cinematografica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Cap. 1 La storia dell’industria cinematografica Nel corso del tempo, l’industria del cinema ha subito diversi cambiamenti e ristrutturazioni a livello dell’intera filiera produttiva, principalmente dovuti all’innovazione di prodotto ed alla comparsa di nuovi operatori in grado di farsi strada all’interno del settore: sarebbe impossibile riuscire a comprendere questo peculiare business senza considerare la vivacità della sua Storia, causa – congiuntamente all’enorme differenza del mercato potenziale – delle differenze esistenti tutt’oggi tra il settore statunitense e quello europeo. Ecco perché di seguito verrà effettuata una breve analisi 1 del percorso attraversato dall’industria, dalla sua nascita fino ad arrivare ai giorni nostri, suddividendone la Storia in quattro periodi principali, ciascuno in concomitanza ad un’innovazione particolare. 1.1 Dalla nascita del Cinema all’introduzione del lungometraggio L’origine del settore cinematografico è associata all’invenzione del proiettore. Esperimenti nella proiezione cinematografica furono condotti negli Stati Uniti ed in Europa negli stessi anni, ma se l’Europa rappresentò inizialmente il centro dell’innovazione in riferimento sia ai prodotti sia ai metodi di produzione, gli Stati Uniti rappresentarono da subito il mercato più vasto e più sviluppato a livello internazionale. Negli Stati Uniti e nei principali Paesi europei, il mercato dei proiettori cinematografici fu costruito su un business preesistente, il Kinetoscope: un apparecchio in legno mediante il quale una persona alla volta poteva osservare con una lente di ingrandimento un brevissimo film fotografato su pellicola illuminata. Il proiettore cinematografico ne rappresentò una naturale evoluzione, che portò vantaggi sia agli spettatori, sia agli esercenti: i primi potevano vedere immagini di maggiori dimensioni e meglio riprodotte, i secondi potevano ridurre i costi dello spettacolo fornendo con un solo apparecchio un servizio simultaneo a più spettatori. 1 Per una più completa analisi dell’evoluzione del settore si rimanda a: F. Perretti, G. Negro, Economia del cinema – Principi economici e variabili strategiche del settore cinematografico, ed. Etas, cap. 2.

Anteprima della Tesi di Omar Pesenti

Anteprima della tesi: La distribuzione nell'industria cinematografica, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Omar Pesenti Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5814 click dal 30/06/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.