Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La distribuzione nell'industria cinematografica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 attività di produzione cinematografica furono poi organizzate in modo parallelo da Pathé Frères e Gaumont tra il 1898 e il 1900. Tutte e due le imprese costruirono degli studi e assunsero degli amministratori per la gestione delle strutture e delle operazioni di produzione. Intanto la proliferazione dei nuovi entranti nel mercato statunitense procedeva, presentandosi come un processo a due fasi: da una parte i numerosi produttori di apparecchiature che intensificarono la concorrenza, dall’altra società di produzione cinematografica, non affiliate cioè ai produttori di hardware e quindi sottratte alla loro influenza. L’intensa domanda per le pellicole non solo favorì l’ingresso di nuovi concorrenti, ma implicò anche una sostanziale obsolescenza dei prodotti cinematografici, che perdevano d’interesse sul pubblico molto velocemente; questa crescita costante nella domanda fu la causa della progressiva specializzazione delle attività nelle principali fasi della filiera: produzione, distribuzione ed esercizio. I proprietari e i gestori dei teatri iniziarono ad affittare, anziché acquistare, le pellicole; la distribuzione cinematografica si trasferì dai produttori di componenti hardware a imprese specializzate nel noleggio del software. Nello stesso tempo, alcuni esercenti smisero gradualmente di combinare i prodotti cinematografici con altri spettacoli, incrementando ulteriormente il processo di specializzazione. L’organizzazione delle imprese di noleggio e il mercato in espansione per i prodotti cinematografici favorirono la nascita di teatri esclusivamente dedicati alla proiezione di film, quindi lo sviluppo del cinema come mezzo di consumo di massa. Biograph e Raff & Gammon non riuscirono però a soddisfare interamente la nuova domanda e a migliorare tempestivamente i propri processi produttivi: nuove imprese come Vitagraph, Selig e Lubin si svilupparono come importanti produttori in questo periodo. La grande richiesta di prodotti cinematografici nel mercato statunitense aprì opportunità commerciali anche per produttori stranieri. Nel 1902 Gaumont e Pathé Frères ampliarono in modo considerevole sia la capacità produttiva sia la capacità distributiva di pellicole e macchinari, iniziando operazioni commerciali anche nei mercati internazionali, soprattutto negli Stati Uniti. Pathé Frères cominciò un processo di integrazione verticale che avrebbe interessato l’attività di produzione, distribuzione ed esercizio cinematografico, ma anche la realizzazione delle pellicole e degli strumenti di produzione: l’integrazione verticale si concentrò così sia

Anteprima della Tesi di Omar Pesenti

Anteprima della tesi: La distribuzione nell'industria cinematografica, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Omar Pesenti Contatta »

Composta da 242 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5814 click dal 30/06/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.