Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto a termine nel pubblico impiego

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 La sovrapposizione del decreto legislativo rispetto ai contratti collettivi è da ritenersi ormai avvenuta; immediatamente per quanto riguarda la proroga (tutti i contratti in scadenza dopo l'entrata in vigore del decreto legislativo possono essere prorogati, in presenza di ragioni oggettive, fino a una durata complessiva di 36 mesi, per una durata, quindi, anche superiore a quella originaria, come invece era previsto in precedenza), alla scadenza dei contratti collettivi stessi (già intervenuta nel settore pubblico) per quanto riguarda la sostituzione del modello "causali" con quello delle "ragioni", cioè la vera chiave di volta per liberalizzare gli ambiti del nuovo lavoro a termine. La dizione adottata ("alla scadenza…”) non sembra dare adito a dubbi in proposito, poiché in questo caso non è invocabile il prolungamento dell'efficacia dei contratti in essere nell'attesa della stipula dei successivi. Non si crea infatti un problema di vacatio tra contratti collettivi in quanto è la legge che si sostituisce automaticamente ai primi. Quello che emerge chiaramente è quindi il venir meno dei contratti collettivi, sostituiti dalla disciplina legislativa che non richiede necessariamente ulteriori puntualizzazioni. Infatti le intese contrattuali non sono più la condizione essenziale per estendere o integrare la casistica del ricorso legittimo a contratti a termine. Alla contrattazione collettiva resta un compito (l'art. 10 comma 7 del D.Lgs. 368/01 adotta, tra l'altro, una formulazione che rende facoltativo il ricorso alla contrattazione) la individuazione di limiti quantitativi al ricorso ai contratti a termine, esercizio che peraltro, oltre ad essere eventuale, non ha valenza generale bensì molto circoscritta, essendo esclusa dal computo, per effetto dello stesso articolo 10, tutta una serie di situazioni di temporaneità già ampiamente previste dai contratti preesistenti.

Anteprima della Tesi di Antonio Damiano

Anteprima della tesi: Il contratto a termine nel pubblico impiego, Pagina 5

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Antonio Damiano Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7163 click dal 01/07/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.