Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Destalinizzazione e autonomia socialista nelle pagine de "L'Espresso" (1956-1958)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 di esso. Concesse invece un ampio spazio agli interventi di quei comunisti che si erano distaccati dal partito, come Onofri e Giolitti, e invitò in più di un’occasione il Psi, il cui giudizio sulla crisi ungherese fu ben lontano da quello del Pci, a farsi interprete dei comunisti delusi accogliendoli nelle sue file. Per “L’Espresso, infatti, i comunisti che avevano preso le distanze dal Pci dovevano entrare a far parte di quella coalizione politica che avrebbe avuto il proprio perno nel partito socialista e per obiettivo la battaglia di rinnovamento del paese. In seguito alla crisi apertasi nel Pci, la costituzione di tale coalizione sembrava ancora più vicina, in quanto erano emerse chiaramente le differenze esistenti fra il partito socialista e quello comunista; inoltre un fatto positivo fu l’uscita dei repubblicani dalla maggioranza quadripartita, appoggiando alcuni provvedimenti ideati dai radicali. La riunificazione socialista invece non si verificò nei termini auspicati, ma “L’Espresso” continuò a premere in tale direzione, constatando che essa avrebbe richiesto un tempo maggiore e modi diversi di attuazione, ritenendo tuttavia che fosse comunque l’unica via percorribile per attuare le riforme che la Dc e la destra economica avevano interesse a rimandare e che erano però necessarie per la società italiana 18 . Tuttavia, nonostante la crisi del governo Segni e la fine del centrismo, il progetto dell’“Espresso” di costituire un grande partito socialista in grado di ridurre la forza del Pci si rivelò illusorio perché alle elezioni del 1958 i comunisti mantennero intatta la loro forza elettorale, dimostrando il loro radicamento nella realtà del paese. 18 La riunificazione dei due partiti socialisti nel Psu (Partito Socialista Unificato) avvenne soltanto nel ’66 e durò fino al ’69. In merito si veda: C. Rossi, F. Achilli, L’unificazione socialista, Milano, Palazzi, 1969.

Anteprima della Tesi di Silvia Tambellini

Anteprima della tesi: Destalinizzazione e autonomia socialista nelle pagine de "L'Espresso" (1956-1958), Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Silvia Tambellini Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1854 click dal 07/07/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.