Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La partecipazione della CE all'organizzazione mondiale del commercio e i limiti della sua competenza in materia di politica commerciale comune

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 4. L’aspetto istituzionale Data le sue origini di accordo nato dallo ‹‹stralcio›› del Capitolo IV della Carta dell’Avana concernente la politica commerciale internazionale e quindi di accordo avente una natura provvisoria, l’Accordo generale mancava di un quadro istituzionale analogo a quello dei tipici trattati istitutivi di organizzazioni internazionali. Nondimeno, secondo taluno, gli Stati membri, col passare degli anni, hanno dato luogo ad una progressiva opera di ‹‹ingegneria costituzionale››, che ha avuto come risultato il consolidamento del GATT come vera e propria organizzazione internazionale, la cui sede era a Ginevra. 9 L’unico organo originariamente previsto era costituito dalle Parti Contraenti. Tale organo funzionava come una sorta di ‹‹conferenza di Stati››, formata dai rappresentanti dell’insieme dei paesi aderenti al GATT, piuttosto che come un’istanza istituzionale di carattere stabile e permanente. In base all’art. XXV, le Parti Contraenti erano chiamate a riunirsi periodicamente, con una cadenza normalmente annuale, per esercitare un’azione collettiva, al fine di facilitare il funzionamento dell’Accordo generale e il perseguimento dei suoi obiettivi. Nel 1960 le Parti Contraenti, con una decisione fondata sull’art. XXV dell’Accordo generale, istituirono il Consiglio, cioè un organo che poteva seguire con maggiore continuità i problemi giuridici, economici e politici del commercio internazionale ed 9 Vedi BORGHI, Il GATT dalle origini alla W.T.O., in Rivista di diritto agrario, 1999, p. 369 ss. L’autore evita di qualificare il GATT come ‹‹organizzazione›› in senso proprio e tradizionale, privo com’era di un budget formalmente proprio e di una struttura stabile, anche dal punto di vista della dotazione di personale.

Anteprima della Tesi di Daniele Moretti

Anteprima della tesi: La partecipazione della CE all'organizzazione mondiale del commercio e i limiti della sua competenza in materia di politica commerciale comune, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Moretti Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3060 click dal 13/07/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.