Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La partecipazione della CE all'organizzazione mondiale del commercio e i limiti della sua competenza in materia di politica commerciale comune

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Gli Stati che hanno in seguito aderito al GATT, lo hanno fatto anch’essi non mediante la ratifica dell’Accordo generale, bensì tramite analoghi protocolli di adesione provvisoria. Sebbene l’Accordo generale non fosse dunque mai entrato in vigore in via definitiva e in modo autonomo, gli Stati membri erano tuttavia giuridicamente obbligati a rispettarlo poiché esso era incorporato, mediante la tecnica del rinvio, nei citati ‹‹protocolli››, i quali erano veri e propri trattati internazionali. Il fatto che tale Accordo fosse applicato solo tramite il Protocollo non era peraltro scevro da conseguenze giuridiche. In primo luogo, gli Stati membri potevano recedere dal GATT con un preavviso dato secondo il termine di sessanta giorni previsto dal Protocollo, anziché, secondo quello di sei mesi previsto dall’art. XXXI dell’Accordo generale. In secondo luogo, il Protocollo conteneva una clausola che permetteva agli Stati membri di applicare la II parte dell’Accordo generale solo ‹‹ to the fullest exent not inconsistent with existing legislation››. Questa clausola, nota nella prassi come ‹‹grandfather clause›, consentiva ad ogni parte contraente di mantenere in vigore ed applicare la propria legislazione interna, già esistente alla data dell’adesione al GATT, sebbene essa risultasse incompatibile con gli obblighi posti dall’Accordo generale. Seppur il GATT fosse nato sotto il segno della provvisorietà, determinata anche dal fatto che per tutto il tempo della sua vigenza esso attinse le proprie risorse finanziarie dall’Interim Comitee of the International Trade Organization (ICITO, organo della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e l’occupazione) e quindi, di fatto,

Anteprima della Tesi di Daniele Moretti

Anteprima della tesi: La partecipazione della CE all'organizzazione mondiale del commercio e i limiti della sua competenza in materia di politica commerciale comune, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Moretti Contatta »

Composta da 207 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3060 click dal 13/07/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.