Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le nuove metodologie di reclutamento e selezione del personale. Il caso Jobpilot

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 nuovo farmaco da un miliardo di dollari, oppure il Know-how di operai che inventano mille modi diversi di aumentare l’efficienza di una fabbrica. E’ la collaborazione, l’insieme delle conoscenze condivise fra un’azienda e i suoi clienti”. T. Stewart definisce, quindi, il capitale intellettuale come l’asset a maggior valore per l’impresa. La conoscenza è intagibile ma può essere misurata: il mercato azionario, ad esempio, reagisce spesso con un incremento delle quotazioni azionarie agli annunci di investimenti in Ricerca e Sviluppo (Stewart, 1994). T. Stewart suscita l’interesse dei manager perché fa del capitale intellettuale l’attributo di un organizzazione; così, nel corso degli anni ’90 alcune imprese affiancano alla contabilità tradizionale sistemi di reporting volti ad evidenziare il ruolo dinamico delle risorse intangibili nella creazione di valore. Il gruppo svedese Skandia 12 rappresenta il caso più significativo è la prima impresa ad aver istituito, nel 1991, il ruolo di “Intellectual Capital Director”, incaricando Leif Edvisson ed un team di specialisti di evidenziare le componenti del capitale intellettuale. Il reporting della Skandia suddivide il capitale intellettuale in capitale umano, che a sua volta comprende le competenze, le relazioni e i valori delle risorse umane e in capitale strutturale rappresentato dai clienti (customer capital) e dal capitale organizzativo (organizational capital) che comprende l’ innovazione (innovation capital), i processi (process capital) e la cultura. Uno dei principali compiti dei manager del capitale intellettuale è quindi quello di trasformare le risorse umane in beni intellettuali. 12 La Skandia enfatizza le proprietà statiche della conoscenza. La staticità rappresenta un limite dei sistemi di reporting , il cui superamento avviene con l’analisi dei flussi.

Anteprima della Tesi di Anna Formisano

Anteprima della tesi: Le nuove metodologie di reclutamento e selezione del personale. Il caso Jobpilot, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Anna Formisano Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 17655 click dal 07/07/2004.

 

Consultata integralmente 71 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.