Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I sistemi integrati di gara negli appalti pubblici di forniture e servizi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo primo – I contratti pubblici d’appalto 4 disciplina pubblica. Tale attività è comunque vincolata alla necessità di perseguire gli interessi pubblici definiti dalla legge ove le amministrazioni, nell’esercizio della discrezionalità amministrativa, devono scegliere tra diversi comportamenti leciti il più adatto al soddisfacimento di tali interessi 8 . Tale impostazione ha origini antiche, risalenti alla l. 25 marzo 1865 n. 2248, il cui allegato E, Legge sul contenzioso amministrativo, in tema di competenza degli organi giurisdizionali ha attribuito tutta la materia negoziale, indipendentemente dal coinvolgimento o meno di una amministrazione pubblica, al giudice ordinario 9 . A seguito di tale scelta il negozio è stato attratto nell’ambito della giurisdizione ordinaria, quindi nell’area del diritto comune, impedendo di fatto che il medesimo potesse essere inteso ed utilizzato come strumento di amministrazione al pari del provvedimento amministrativo, estendendosi conseguentemente l’area 8 M. S. GIANNINI, op. cit., vol. I, 89; cfr. G. BERTI, Enti pubblici in Italia , Considerazioni conclusive di una relazione sugli enti pubblici in Italia, presentata al convegno dell’Associazione dei comparatisti tedeschi di Saarbrücken del 18-21 settembre 1991, in Foro it., 1992, V, 1; Cons. giust. amm. sic., 4 novembre 1995, n. 336, in Foro it., 1996, III, 466, con la quale viene affermato che gli enti pubblici, salvo espresse eccezioni di diritto positivo, hanno piena capacità di diritto privato nei limiti delle loro finalità istituzionali; capacità messa in particolare rilievo dall’art. 11 l. 7 agosto 1990 n. 241, che, ammettendo largamente la conclusione di accordi integrativi o sostitutivi di provvedimenti e sottoponendo tali accordi al regine dei contratti, ha ammesso una tendenziale equivalenza tra l’attività amministrativa di diritto pubblico e l’attività amministrativa di diritto privato. Questa conclusione è valida, a maggior ragione, nel caso di un ente pubblico territoriale, che può prefiggersi tutti gli scopi idonei a soddisfare gli interessi della rispettiva comunità. 9 Con tale legge si è rovesciato il preesistente criterio della devoluzione alla competenza dei giudici del contenzioso amministrativo delle questioni attinenti all’interpretazione, validità ed esecuzione dei contratti delle pubbliche amministrazioni, seguito dalla legislazione degli Stati preesistenti all’unificazione dell’Italia, Regno di Sardegna in particolare, e dal d.lgs. 30 ottobre 1859, n. 3708, cosiddetta legge Rattazzi.

Anteprima della Tesi di Piergiorgio Martin

Anteprima della tesi: I sistemi integrati di gara negli appalti pubblici di forniture e servizi, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Piergiorgio Martin Contatta »

Composta da 295 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5698 click dal 12/07/2004.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.