Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Logice e norme. Per una logica deontica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 ___________________________________________________________ 0. Introduzione attuale una certa prevenzione da parte degli studiosi di filosofia o di chi, a vario titolo, si interessa alla disciplina, nei confronti del diritto. Forse non è neanche corretto chiamarla prevenzione a causa del fatto che il suo orizzonte semantico non corrisponde puntualmente a quello che invece avrei voluto comunicare. Infatti, anche già semplicemente prestando attenzione, è possibile notare un rigetto, una idiosincrasia da parte dei cultori di Sofia verso quanto è diritto, legge, norma, codici così via. Un rifiuto forse dovuto ad un pregiudizio di fondo, forse dovuto all’affermazione di una specifica diversità di orizzonti, forse, più neutralmente, ad un’estraneità rispetto alla giurisprudenza. Non pretendo certo di discutere qui sull’origine, sui motivi di tale atteggiamento mi limiterò, invece, a notare, e a far notare, l’inopportunità di questo comportamento. Infatti ciò implica il negare a se stessi un ampio spazio concettuale e il perdere, in questa maniera, un’incredibile occasione. Infatti ciò provoca il mancato incontro tra Sofia e Lex, provoca una certa chiusura intellettuale del tutto simile a quella che portava i filosofi più tradizionalisti, a inizio XX secolo, a bollare la scienza in genere “matematica sunt, non leguntur”. Lo stesso comportamento va a danno proprio di coloro che così facendo, avrebbero la pretesa di difendere una, non meglio precisata, specificità del LOGOS rispetto alle norme. E’ allora evidente, già dalle prime battute, che io sono per l’incontro o almeno il dialogo tra le due discipline, è controproducente chiudersi, infatti, nel proprio recinto e far finta che il resto del mondo non conti. Un comportamento analogo ha prodotto e produce le più terribili catastrofi umane. Un’obiezione che mi si potrebbe muovere è la seguente: ma è davvero possibile un incontro tra la filosofia e il diritto? E’

Anteprima della Tesi di Alessandro Pizzo

Anteprima della tesi: Logice e norme. Per una logica deontica, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandro Pizzo Contatta »

Composta da 160 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1743 click dal 12/07/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.