Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Realizzazione di un sistema tomografico per l'esecuzione di prove non distruttive su materiali conduttori

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

pratica maturata negli anni, assumono un ruolo essenziale per assicurare la sensibilità e l'affidabilità richieste da questo tipo di controlli. Nel campo delle PnD gli esami visivi sono generalmente utilizzati per rilevare specifiche caratteristiche superficiali e/o dimensionali quali gli allineamenti, le forme e le dimensioni di componenti di macchine, d’impianti e di manufatti, lo stato delle superfici, oltre ad evidenti perdite di tenuta, serraggio dei bulloni, eccetera. Essi sono generalmente suddivisi in: - Esami visivi diretti: Possono essere utilizzati quando è possibile accedere con gli occhi ad una distanza della superficie in esame non maggiore di circa 60 cm con un’angolazione non inferiore a 30°. Sono generalmente utilizzati specchi per migliorare la visuale e lenti per ingrandire le immagini, ma l'illuminazione, ottenuta mediante opportune lampade, dovrà essere compresa tra un min. di 150 Lux ed un max. di 600 Lux. - Esami visivi remotizzati: Sono generalmente utilizzati quando non è possibile accedere direttamente all'oggetto od alla superficie in esame. Allo scopo sono utilizzate apparecchiature più o meno sofisticate, quali, ad esempio, specchi, telescopi, endoscopi, fibre ottiche, telecamere, eccetera. In ogni caso, qualunque sia il mezzo utilizzato, gli strumenti devono avere una risoluzione almeno equivalente a quella dell'occhio umano. Per quanto concerne gli "Esami Visivi Remotizzati", le attrezzature maggiormente utilizzate in numerosi campi applicativi, risultano essere i boroscopi, gli endoscopi, i fibroscopi e le microtelecamere che sono scelti di volta in volta secondo le caratteristiche geometriche, dimensionali e strutturali della superficie in esame. Per la corretta applicazione di questo metodo d’esame non distruttivo è essenziale l'esatta conoscenza delle anomalie o del tipo di difetto che s’intende rilevare, quali, ad esempio, la corrosione, le crinature, la corretta installazione e la presenza d’oggetti estranei. - 4 -

Anteprima della Tesi di Alessandro Abati

Anteprima della tesi: Realizzazione di un sistema tomografico per l'esecuzione di prove non distruttive su materiali conduttori, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Abati Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1390 click dal 13/07/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.