Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Marx e il "socialismo reale"

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Marx ha posto un’utopia dentro la storia e se le tendenze che aveva proposto non si sono avverate resta valido il suo apparato valutativo ed il potenziale critico della filosofia rispetto alla società capitalistica. La critica di Marx alla società non è altro che la critica a un mondo che ha bisogno di illusioni. Oggi è ancora così. Lo si vede nella perdita del senso della realtà che tutti lamentiamo, nella volontà di evasione verso il virtuale, nell’indifferenza, nell’atomismo, nel senso di frustrazione e impotenza. La sensazione diffusa è che le cose non vadano bene e non si trovino spazi adatti alla soddisfazione dei propri bisogni, tuttavia manca una speranza progettuale tale da farci intravedere una possibilità di miglioramento futuro. Resta viva la consapevolezza che il fallimento del socialismo russo non coincida con la risoluzione dei problemi per risolvere i quali nacque il “pensiero comunista” e si avverte la necessità e la speranza di affrontare quegli stessi problemi con mezzi e strumenti nuovi. Non stiamo vivendo nel “migliore dei mondi possibili” né siamo di fronte alla già teorizzata “fine della storia”, percepiamo l’esigenza di modelli alternativi di trasformazione della società, ma non si può far sì che l’“altro mondo possibile” resti uno slogan da corteo. Se si mira ad una prospettiva futura in senso comunista o comunque non capitalista, ed in ogni caso differente da quella attuale, non ci si può esimere dall’analizzare l’esperienza sovietica e questo a prescindere dal giudizio che su di essa si possa formulare. Sappiamo che, da Marx in poi, tutto il socialismo rivoluzionario rifletté sui fatti della Comune di Parigi, sottoponendoli ad uno studio minuzioso per ricavarne preziose indicazioni per l’agire futuro. Non solo ha un significato, ma è necessario e importante ragionare sull’esperienza russa se ci sono ancora comunisti e marxisti che possono applicare i loro strumenti teorici di comprensione della storia e che sentano la necessità di rivendicare un’equa soddisfazione dei bisogni sociali, materiali ed intellettuali di tutti gli uomini; se ci sono degli storici che vogliono porre fine

Anteprima della Tesi di Isabella Casali

Anteprima della tesi: Marx e il "socialismo reale", Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Isabella Casali Contatta »

Composta da 283 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9795 click dal 13/07/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.