Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Marx e il "socialismo reale"

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 sia mosso per lo meno programmaticamente verso la realizzazione di una nuova società, o al contrario, se la strada intrapresa mirava ad altro. Questo “percorso” mi sosterrà nello sviluppo della mia tesi secondo cui l’intera storia del marxismo dopo Marx è in realtà la storia di vari marxismi e di una serie ininterrotta di ondate revisionistiche. Il “socialismo reale”, per raggiungere la sua efficacia pratica, ha dovuto pagare il prezzo di mutare se stesso al punto tale da apparire irriconoscibile rispetto alle sue premesse originarie e dando luogo, nel corso del suo sviluppo, a una serie di varianti che lo rendono profondamente differente rispetto alla teoria che lo ha ispirato. La domanda che è sottintesa è se la lettura di Marx, dei suoi scritti, abbia un valore intrinseco ed indipendente dal risultato storico dell’esperienza socialista russa e se essa oggi sia ancora utile e necessaria. Leggere Marx dopo il 1989 non significa avvicinarsi ad un pensiero utopico che non ha retto il confronto con la realtà. Esso ha certamente ricoperto il ruolo di legittimazione teorica del sistema politico sovietico ma non è crollato assieme ad esso e mantiene una sua propria valenza. Il pensiero di Marx, proprio perché “aperto”, può ed ha potuto, in passato, essere variamente interpretato, ciò perché all’interno della sua teoria si possono individuare dei nodi problematici, delle letture irrisolte ed anche delle contraddizioni, suscettibili di varie possibili interpretazioni. Marx da una parte afferma che la classe operaia rappresenta la prima forza storica in grado di autoemanciparsi, sottraendosi al dominio della minoranza, ma dall’altro che essa non può compiere la propria opera senza sottomettersi alla “scienza rivoluzionaria” di cui era portatrice l’avanguardia, ossia il partito. Il primato rivoluzionario spettava quindi alla classe in quanto forza economico-sociale o all’avanguardia in quanto forza politico-ideologica? Si potevano conciliare autorità e partecipazione, direzione e consenso? Era

Anteprima della Tesi di Isabella Casali

Anteprima della tesi: Marx e il "socialismo reale", Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Isabella Casali Contatta »

Composta da 283 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9793 click dal 13/07/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.