Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La drammaturgia di Mariana Starke (1762 ? - 1838)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 1.2 Mariana Starke e le donne nella letteratura e nel teatro romantico. L’epoca in cui Mariana Starke visse ed operò aveva assistito ad un progressivo aumento della partecipazione femminile in ambito culturale. In quel periodo, infatti, un numero eccezionale di donne era coinvolto nella letteratura sia in qualità di lettrici che di scrittrici, le quali si cimentarono in tutti i generi letterari, anche in quelli ritenuti i più “seri”. Le autrici, infatti, scrivevano romanzi, poesia, testi teatrali, opere popolari, favole, canzoni folcloristiche, ballate, libri per ragazzi, manuali per le faccende domestiche, la botanica, il giardinaggio, la cucina, la biologia, labelli politici e religiosi, satire, mémoires, diari, giornali, aneddoti, lettere, dialoghi e così via. L’aumento straordinario delle loro pubblicazioni rispetto al passato, oltre che essere ovviamente la conseguenza di una maggiore alfabetizzazione della popolazione inglese, fu principalmente il risultato dell’entrata dell’industria editoriale in un sistema di mercato capitalistico, che causò il passaggio da una cultura elitaria ad una cultura popolare e favorì la professionalizzazione del mestiere dello scrittore e quindi un incremento del numero degli scrittori stessi: The printing-press in peacetime offered a large challenge to the gatekeepers of high culture, by permitting all who could read and write some possibility of access to a wider ‘public’. Printers would take a chance on publishing works by women, by Dissenters, by men (and sometimes women) of the lower classes, if they seemed likelihood that others would spend their money in order to read such works. If we often sight over the ‘commodification of culture’ we should recognize that such commodification gave women a chance they had lacked otherwise. 5 5 M. A. Doody, “Women Poets of the Eighteenth Century” in V. Jones (ed.), Women and Literature in Britain 1700-1800, Cambridge University Press, Cambridge 2001, pp- 217-237, p. 217.

Anteprima della Tesi di Alessandra Violi

Anteprima della tesi: La drammaturgia di Mariana Starke (1762 ? - 1838), Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandra Violi Contatta »

Composta da 230 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1882 click dal 14/07/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.