Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunità ebraica di Terni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Infatti, negli scritti del rabbino francese si legge: «Oggi la gente ha l’abitudine di prestare contro interesse ai non-Ebrei (…) perché dobbiamo pagare le tasse al re e ai signori, e tutte queste cose sono necessarie, per sostenerci; viviamo in mezzo ai non-Ebrei, e non possiamo guadagnarci la vita senza commerciare con loro. Non è più quindi, vietato prestare contro interesse» 13 . Il punto di vista di Rabbenou Tam legittimò lo stato degli Ebrei dell’epoca tanto che i rabbini dei secoli seguenti non avvertirono affatto la necessità di giustificarsi per queste pratiche economiche. Riguardo alla concezione dominante della teologia cristiana, si può notare come, già nell’antichità, la Chiesa romana condannava il prestito ad interesse. Infatti, già sotto il regno di Carlo Magno, essa emanò diverse disposizioni conciliari che vietavano ai cristiani di praticare l’usura, e la sua lotta si inasprì nel corso del XII secolo, allorquando numerosi concili ecclesiastici e decreti papali ne ribadirono perentoriamente il divieto. E’ lecito chiedersi perché, per molto tempo, sia la legislazione ecclesiastica che quella laica non si espressero riguardo al caso de l’usuraio ebreo. Vi fu solo un’improvvisa manifestazione di legislazione restrittiva nei confronti del commercio ebreo del denaro e che nacque durante gli anni del pontificato di Innocenzo III. Le fonti a cui si fa rimando sono la sua lettera agli arcivescovi sulla rimessa degli interessi dei debiti dei Crociati (agosto 1198, Post miserabilem…), e il C. 67 (Quanto amplius) del IV Concilio Lateranense (novembre 1215) 14 . Tuttavia, si può sostenere che questi due testi furono dettati più dalla concezione negativa di Innocenzo III rispetto agli Ebrei, che da un tentativo di conferire certezza giuridica ai limiti dell’usura ebrea. 13 Cit. presa da L. Poliakov, op. cit.,Vicenza 1974, pag.30. 14 Corpus Juris Canonici, Décrétales, V : 19 : 12 et V : 19 : 18.

Anteprima della Tesi di Eleonora Manni

Anteprima della tesi: La comunità ebraica di Terni, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Eleonora Manni Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3328 click dal 14/07/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.