Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Open Source: un'alternativa reale al software proprietario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Quando si deve affrontare un argomento come questo, ci si trova di fronte al problema che tali tematiche risultano essere fortemente impregnate di ideologia, tant'è vero che non di rado alcuni nomi di spicco della comunità Open Source manifestano tendenze addirittura apologetiche. Si ha, quindi, qualche difficoltà a mantenersi obiettivi e a condurre l'analisi in maniera critica. Si cercherà, per questo, di attenersi il più possibile ai fatti e, soprattutto, non verrà affatto affermato che il software Open Source è, a prescindere, meglio di quello proprietario. Asserire una cosa del genere è quanto di più nocivo si possa fare, anche volendo sostenere tale fenomeno. L'Open Source ha provocato, in campo software, una vera e propria rivoluzione, che può determinare, in campo IT (Information Technology), vantaggi quali la riduzione dei costi delle licenze, la flessibilità delle soluzioni, l'indipendenza dai fornitori, una migliore interoperabilità tra i sistemi, etc. Ogni cambiamento porta naturalmente con sé resistenze e scetticismi, può essere fonte di minacce, ma anche di opportunità, e certamente il primo passo che occorre compiere per affrontarlo è quello di fare uno sforzo rivolto alla comprensione del fenomeno, alla sua analisi il più possibile accurata, in maniera tale da poterne valutare obiettivamente sia i pregi che i difetti. In questo lavoro si cercherà di introdurre il fenomeno dell'Open Source, quali aspetti lo distinguono dal resto del software (quello “proprietario”) e quali siano i vantaggi e gli svantaggi connessi al suo uso. L'argomento sarà trattato, quindi, nel primo capitolo, in maniera generale, al fine di mettere in luce come è nato e si è sviluppato, quali sono le differenze tra Open Source e Free Software e quali, invece, tra questi e il software “proprietario”. Il secondo capitolo permetterà di “entrare” all'interno della comunità Open Source per vedere come viene svolto il lavoro di programmazione, di controllo e correzione degli errori; la finalità di questa osservazione “tecnica” risiede nella comprensione dei meccanismi che regolano la produzione del software, sia in relazione al modello tradizionale che, naturalmente, a quello Open Source. Capire questi processi produttivi consente di farsi un'idea dell'affidabilità della struttura, sia essa reale o virtuale, e quindi di verificarne la solidità ai fini di un eventuale rapporto.

Anteprima della Tesi di Luigi Vargiu

Anteprima della tesi: L'Open Source: un'alternativa reale al software proprietario, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luigi Vargiu Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2854 click dal 21/07/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.