Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Coscienza, autoriflessività e paradossi: la teoria del ''doppio legame'' di G. Bateson

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 sottovalutabile affinità con lo strutturalismo linguistico e quindi la possibilità di un avvicinamento concettuale tra una scienza ingegneristica e una umana), ed in effetti permette la corretta definizione dei limiti di un canale per la trasmissione dell'informazione e l'ottimizzazione di esso ai fini di limitare gli errori. Tuttavia, questa collocazione dell'informazione nello spazio “metrico” della sua misurazione attraverso un meccanismo che individua elementi discreti e li mette in relazione, rivela una pretesa riduzionistica, inadeguata a cogliere un concetto di informazione che tenga conto della sua stratificazione e soprattutto, oltre al “mittente”, del “destinatario” di essa. E’ come se la teoria classica, preoccupata degli aspetti ingegneristici, avesse tagliato via aspetti rilevanti del fenomeno “informazione”, ripercorrendo inconsapevolmente il cammino epistemologico del neopositivismo, con una messa al bando del soggetto. In sostanza, si sono verificati, negli ultimi decenni, due importanti revisioni concettuali della teoria primitiva, che ne hanno rappresentato insieme un'espansione e una parziale rettifica: 1) L'espansione della sfera dell’informazione ad un territorio maggiormente autonomo rispetto alle scienze con cui era solitamente collegato, con il considerevole aumento della sua “pervasività” epistemologica. 2) La reintegrazione del ruolo del soggetto che, come portatore dei codici attraverso cui l'informazione diviene significativa, non poteva restare escluso dallo studio del processo attraverso cui essa si genera senza introdurre, nel contempo, un elemento di arbitrarietà “scientistica”; in questa nuova dignità che al soggetto (ricevente, donatore di senso, agente cognitivo) viene attribuita, la ricerca in questo settore passa ad occuparsi, oltre che dei sistemi di comunicazione presi “per se stessi”, anche di ciò che sono “per altri”, cioè, in sostanza, del “livello del significato”, tanto temuto dagli autori precedenti; per usare una efficace sintesi di H. von Foerster, lo studio passa dai “Sistemi osservati” ai “Sistemi che osservano” [Foerster 1987]. Un'immagine di questa fondamentale opposizione tra le due generazioni di studiosi del fenomeno “informazione”, è fornita da A. Wilden: «Il concetto di informazione si estende oggi a due sensi emersi di recente e relativamente specifici. Il primo è il senso strettamente tecnico e tecnologico: informazione come “quantità” misurabile in bit (binary digit) fisici. E’ l’informazione metrica della Teoria dell'informazione classica (Claude Shannon), la teoria combinatoria e statistica dell'informazione, basata sulla logica e sulla matematica della probabilità. Il secondo senso appartiene ad un approccio diverso, un approccio che può non di meno servirsi del primo nei casi in cui sia applicabile [...]. Il secondo senso è però sempre qualitativo prima di essere quantitativo, come di fatto dovrebbe essere (dopo tutto, la quantità è un tipo di qualità, mentre non vale l'opposto). Il secondo senso conserva ben più del senso metrico o quantitativo la significazione quotidiana del termine “informazione”.»[Wilden 1978a, p.562]

Anteprima della Tesi di Giacomo Mason

Anteprima della tesi: Coscienza, autoriflessività e paradossi: la teoria del ''doppio legame'' di G. Bateson, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Filosofia

Autore: Giacomo Mason Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6143 click dal 16/07/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.