Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Meccanismi molecolari coinvolti nel differenziamento neuronale indotto da Acido retinoico nella linea cellulare di neuroblastoma umano SH-SY5Y

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 MEK Il gruppo di enzimi MEK (MAP ERK Kinase) comprende le due isoforme MEK1 e MEK2 entrambe di 44-kDa e con identità di sequenza aminoacidica correlata all’80% [26]. L’attivazione di MEK avviene per fosforilazione a livello della sequenza del loop di attivazione Ser218-Met-Ala-Asn-Ser222 e a differenza di ERK1 e ERK2, MEK può essere attivato anche solo parzialmente, dopo fosforilazione di uno solo dei due residui di serina [27]. Alcune sequenze in MEK ricche in Prolina contengono sequenze consenso per interazioni potenziali con domini SH3. In MEK sembra che questo dominio sia importante per le interazioni con Raf-1; infatti delezioni di questi residui interferiscono con l’attivazione dei substrati ERK1 e ERK2 e con i segnali di crescita nelle cellule [28]. Il ruolo fondamentale di MEK nella fosforilazione ed attivazione di ERK1 e ERK2 è stato confermato mediante l’impiego dell’inibitore PD98059, specifico nel bloccare l’attivazione dell’enzima MEK, in diverse linee cellulari [8 e 29]: ξ nelle cellule PC-12, il trattamento con l’inibitore non ha effetto sulla fosforilazione del recettore per l’NGF, ma riduce di 4 volte l’attivazione di ERK1 e ERK2 indotta con questo fattore neurotrofico e inibisce il differenziamento in senso neuronale delle cellule PC12 [10] ξ nelle cellule 3T3 il PD98059 riduce dell’80-90% l’attivazione di MEK e riduce la proliferazione cellulare [30]. L’enzima MEK possiede un segnale di esporto nucleare che ne determina la localizzazione citoplasmatica, dove in uno stato inattivo è in grado di sequestrare ERK1 e ERK2 nel citoplasma [31]. Per poter essere attivate, ERK1 e ERK2 necessitano della fosforilazione di MEK e della dissociazione da quest’ultimo; successivamente saranno inattivate per defosforilzione da parte di specifiche fosfatasi e ritorneranno nella forma inattiva riassociata a MEK [6].

Anteprima della Tesi di Marco Crimi

Anteprima della tesi: Meccanismi molecolari coinvolti nel differenziamento neuronale indotto da Acido retinoico nella linea cellulare di neuroblastoma umano SH-SY5Y, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Marco Crimi Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5694 click dal 16/07/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.